Come ottenere bonus asili e baby sitter

Il bonus asili e baby sitter è  un contributo di 600€ che viene dato alle mamme che rientrano a lavorare dopo la maternità.

Il bonus asili e baby sitter è stato introdotto dal 2015 per agevolare il rientro al lavoro delle neomamme. È stato prorogato anche al 2016, quindi vediamo come ottenerlo.

Requisiti per il bonus asili e baby sitter 2016

Il bonus è destinato alle mamme che decidono di non usufruire del congedo parentale al termine del periodo di congedo per maternità (cosa è il congedo per maternità e cosa è il congedo parentale).

Hanno diritto al bonus:

  • Lavoratrici dipendenti pubbliche e private;
  • Lavoratrici iscritte alla gestione separata INPS;
  • Libere professioniste non iscritte ad altra forma previdenziale obbligatoria e nonpensionate;
  • Lavoratrici autonome non parasubordinate non iscritte alla gestione separata INPS e imprenditrici –  per 3 mesi per un totale di 1800 euro.

Come viene erogato il bonus

Il bonus è sotto forma di voucher, che possono essere usati per pagare la retta dell’asilo nido o lo stipendio della baby sitter. Il bonus è di 600 € al mese per una durata massima di 6 mesi.

 

Come richiedere il bonus asili e baby sitter

La domanda va presentata all’INPS, attraverso la compilazione di un modulo per via telematica, attraverso cioè il sito internet dell’INPS. In quell’occasione, la mamma farà espressa rinuncia al congedo parentale.

Verrà inviata dall’INPS una comunicazione di accoglimento della domanda.

Nel caso in cui si scelga di avere i voucher per il pagamento della baby sitter, i voucher andranno ritirati presso la sede INPS di competenza, rispetto alla residenza indicata alla presentazione della domanda, entro 120 giorni dalla ricezione della comunicazione di accoglimento della domanda. I buoni lavoro – o voucher – sono spendibili fino alla scadenza e vanno spesi dopo aver inviato la comunicazione di inizio prestazione all’INPS.

Nel caso in cui si scelga di richiedere il bonus asili, è necessario verificare che la struttura scelta sia nell’elenco degli asili nidi INPS. L’asilo nido deve rilasciare l’attestato di frequenza del bambino e a quel punto l’INPS provvede al pagamento di 600 € al mese direttamente alla struttura.

 

Le domande possono essere presentate fino alla fine dell’anno o fino all’esaurimento della somma stanziata dalla Legge di Stabilità: quindi, se avete intenzione di farne uso, regolatevi.

0
(Visited 24 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.