Le attività pomeridiane e i supereroi.

Ci ho pensato già quest’estate. Quando si è in vacanza si pensa di essere delle specie di supereroi che riescono a fare tutto e la stessa proiezione si ha dei propri figli. Così, avevo deciso che le attività pomeridiane per le bambine sarebbero state: nuoto e danza per Sofia e acquaticità per Cecilia. La soluzione per guadagnare tempo era stata quella di frequentare la piscina che propone, alla stessa ora, nuoto per i “grandi” e acquaticità per i piccoli. Ma poi, mi sono resa conto di quale sarebbe stato il mio destino quel pomeriggio, ad asciugare i capelli ad una con quei phon infernali e contemporaneamente correre dietro all’altra, arrivare a casa alle 20.30 con le bambine esauste e affamate e dover ancora preparare tutto. Così mi sono detta che rimandiamo il debutto in piscina a tra qualche mese, quando Sofia sarà un po’ più autosufficiente e Cecilia un po’ più gestibile.

Per la danza, mi sono risposta che l’avremmo fatta a richiesta: sarebbe dovuta essere lei a chiedere di farla, non mi va di stressarla troppo con mille attività.
Ma arrivata a scuola per l’ennesima volta mi sono sentita un’extraterrestre. Alla famosa riunione, dico che la mia Sofia non farà psicomotricità e la mia vicina mi dice: “Io le faccio fare psicomotricità a scuola, nuoto e musica.” “E la tua cosa fa?” “Ehm…” Dopo un piccolo sondaggio scopro che tutti i bambini fanno almeno due attività. Ma hanno 3 anni, non gli staremo chiedendo troppo?

Comunque, la mia Sofia ha deciso: “Mamma, quando inizia danza? Ci vanno tutte le mie amiche, voglio andare anch’io”. Oggi andiamo ad informarci.

0
(Visited 18 times, 1 visits today)

5 Comments

  1. Elisabetta 30 Set 2011 at 14:45

    Io ci sono passata già …..secondo me è meglio lasciar fare ai figli quello che desiderano fare e……fregarsene delle mamme con prole tutto-fare!

    Reply
  2. mami 30 Set 2011 at 16:26

    ecco mi sembra giusto che sia stata lei a chiedere e abbiate deciso insieme! Ogni tanto ai bimbi si chiede troppo hai proprio ragione! Soprattutto così piccoli!

    Reply
  3. mammapellona 30 Set 2011 at 17:41

    Anche io mi stavo ponendo lo stesso dubbio quest’anno. Un giorno lo porto in piscina, e mi sembra giusto perchè si muova e impari a nuotare. Poi un altro giorno mi piacerebbe fargli fare un corso di musica, perchè in qualche modo coltivi un senso del suono, del bello, ma al di là della complicazione che cio’ causerebbe alle mie giornate, mi chiedo già se non sia mettere troppa presisone su di lui…

    Reply
  4. Anonymous 19 Ott 2011 at 14:35

    Ehm, il mio pargolo ha 6 anni e mezzo e fino ad ora fa fatto solo un corso di musica, ora interrotto per sua specifica richiesta.
    Nessuno sport pomeridiano, niente di niente. Solo giardini, bici e corse. In inverno, si gioca in casa oppure si fanno delle capatine il biblioteca o in alcune librerie come la Feltrinelli.
    Mio figlio non sopporterebbe tante attività del genere, ognuno conosce il proprio “scarrafone”…
    Mary

    Reply
  5. Cento per cento Mamma 19 Ott 2011 at 14:38

    @Mary, hai proprio ragione, l’importante è guardare con oggettività i propri cuccioli e basarsi sulle loro aspirazioni.
    Benvenuta sul mio blog!

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.