Baby outfit: la vacanza continua

“Qui il tempo è dei giorni che passano pigri e lasciano in bocca il gusto del sale” cantava una canzone degli anni Sessanta. E questa è la sintesi della nostra vacanza, che si riflette anche nella comodità dell’abbigliamento per le bambine.

Una passeggiata prima di arrivare in spiaggia. Per entrambe le bambine, abitini prendisole H&M e scarpe Crocs.
Tipi da spiaggia: copricostume made in Monterosso, braccialetto Dodo Pomellato, cappellino in lino handmade e scarpe Crocs.
Messa e serata a casa di amici. Per Sofia: polo Ralph Lauren e shorts floreali Zara. Mocassini bianchi Zara. Giocattolo My Litlle Pony e braccialetto Cruciani. Per Cecilia: polo Ralph Lauren e pantalone capri Burberry con profili scozzesi. Sandalo dorato con fiocco Accessorize. Borsa Hello Kitty. Ciucci Chicco.
Quando soffia il Maestrale bisogna coprirsi: leggings no logo e cardigan in lana con cappuccio Allegri Briganti. Sciarpina Zara e sandalo Birkenstock. Bambola Nenuco.
0
(Visited 46 times, 1 visits today)

8 Comments

  1. Sara Alfano 2 Ago 2012 at 09:40

    Che belle che sono le tue bimbe e che bei outfit!

    Reply
  2. Anonymous 2 Ago 2012 at 17:44

    Certo che sono piccole per indossare già tante firme. Complimenti!

    Reply
  3. Cento per cento Mamma 2 Ago 2012 at 19:21

    @Sara che dire? Grazie!
    @Anonimo, la fortuna di avere due femmine nate nello stesso periodo dell’anno: si ricicla tutto e ci si possono permettere anche abitini firmati, ogni tanto! 🙂

    Reply
  4. A casa mia 2 Ago 2012 at 19:29

    Anch’io non compro cose firmate per le mie bimbe:costano troppo soprattutto per il poco tempo in cui le possono mettere, visto che crescono tanto! Ma è anche vero che spesso i vestiti vengono regalati da amici e parenti e a quel punto, usarli è d’obbligo! 😉

    Reply
  5. Marina 2 Ago 2012 at 23:29

    le femminucce danno più soddisfazione, ci si può lanciare in accostamenti di colore, fiocchi e accessori! io ho un maschietto… e oggi l’ho fatto uscire con le infradito spaiate (non me sono accorta).

    Reply
  6. Silvia 3 Ago 2012 at 13:36

    devo dire che io invece preferisco vestire il maschietto: i suoi vestiti per quanto fighetti sono sempre comodi (e anche se li compri all’ovs trovi cose carine). per la bimba, spesso la scelta è tra le cose “carine” (che poi sono scomode e finiscono per giacere nell’armadio) e quelle pratiche e adatte a giocare. e di solito scelgo sempre la seconda soluzione (anche perchè laura per carattere non ama molto le cose da “principessa”, lei è attiva e vuole potersi muovere in libertà).
    sul firmato o non firmato, secondo me ci sono cose per cui vale la pena spendere, tipo scarpe, giacconi invernali e simili, primo perchè durano comunque nel tempo e perchè la qualità si vede. su magliette e cosine per tutti i giorni, io di solito cerco di non spendere troppo. ma ovviamente se mi regalano cose firmate, le uso.

    Reply
  7. Marina 3 Ago 2012 at 15:49

    cerco di distinguere l’uso che avranno i vestiti: per l’asilo e i giochi in giardino mi vanno benissimo i bermuda da 3 euro del mercatino, perchè avranno vita breve. Per altre cose (tipo le scarpe invernali o un bel piumino antifreddo) vado sul sicuro e so che la qualità ha un prezzo diverso.

    Reply
  8. Cento per cento Mamma 3 Ago 2012 at 21:26

    Vi dico come la penso: se posso compro capi firmati “passe-partout”: scarpe, giubbotti invernali, maglie e polo. Non perché consideri uno status i brand, ma perché alcune aziende garantiscono filati di qualità.

    Per l’asilo, la spiaggia e le situazioni di tutti i giorni, Zara, H&M, DPam, Z e i mercatini sono un’ottima soluzione.

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.