Sai leggere le etichette?

Le etichette alimentari sono lo strumento indispensabile per orientarci tra gli affollatissimi scaffali dei supermercati. Leggerle attentamente rappresenta un atto di responsabilità verso il nostro benessere e quello dei nostri bambini. Le etichette forniscono informazioni sulle reali caratteristiche del prodotto e sulla sua qualità, aiutandoci ad impostare una sana alimentazione. L’elenco degli ingredienti (in ordine decrescente per quantità), fornisce una prima stima della qualità di un prodotto rispetto ad un altro di prezzo diverso o uguale.
La tabella nutrizionale segnala l’apporto energetico (Kcal) e le percentuali dei nutrienti riferiti a 100 g di prodotto, o ad una porzione. Non bisogna però fermarsi alle calorie: continuate a leggere anche le altre informazioni! Optate per prodotti con i grassi migliori (olio d’oliva o extra vergine di oliva), con un contenuto ridotto di sale, con pochi additivi e senza conservanti (indicati dalla E seguita da dei numeri), con più fibra e meno zuccheri (e che non abbiano dolcificanti artificiali, se i prodotti sono per i bambini). È importante leggere e rispettare le modalità di conservazione/uso del prodotto, per preservare intatte tutte le caratteristiche organolettiche e nutrizionali dell’alimento. Ed infine un consiglio da mamma a mamma: scegliete quei prodotti dei quali è possibile verificare la completa tracciabilità. La tracciabilità fornisce una sicurezza aggiuntiva sulla qualità dei prodotti perché l’azienda produttrice è certa della loro provenienza e del percorso che il prodotto ha compiuto per arrivare sulle nostre tavole.
Di Roberta Cattaneo – dietista esperta in nutrizione

La mamma sognatrice

C’era una volta una ragazza con la testa tra le nuvole, che viveva nel suo mondo e non si occupava delle questioni pratiche. Per lei fare la spesa era un viaggio della mente tra sapori, profumi e culture, in cui si poteva perdere ad osservare le persone che acquistavano il cibo senza pensare a ciò che stava facendo. La sua vita era il suo personale sogno e viveva a mille ogni emozione, lasciando in secondo piano, sempre, la razionalità.
Quella ragazza un giorno diventò mamma e improvvisamente si rese conto che, oltre alle magnifiche e turbolente implicazioni emotive, ciò significava doversi prendere cura di quella persona in miniatura. E prendersi cura di qualcuno significa, anche, nutrirlo nel modo giusto.
Decise di fidarsi dell’istinto della sua bambina e praticò con lei l’autosvezzamento. Sentiva di rispettare profondamente sua figlia facendola avvicinare al cibo in modo graduale e naturale. Ma questa scelta aveva delle implicazioni importanti sul suo stile di vita e la mamma lo capì subito. Si mise a leggere e si informò. Al supermercato non si perdeva più in voli pindarici e riflessioni, ma si applicava con tutta se stessa per leggere le etichette e cercare approfondimenti sulle sigle che caratterizzavano alcuni prodotti (come quelle del pesce in scatola Rio Mare, che riportano una sorta di “carta d’identità” da cui si può sapere la specie di pesce, il peschereccio che l’ha pescato, la sua nazionalità, il periodo e il metodo di pesca). E sentiva di farlo per la sua bambina, anche se a lungo andare capì che mangiare sano stava facendo bene anche al resto della famiglia. Scoprì una passione, che fino ad allora ignorava di possedere, per la cucina e trascorreva le sue ore libere a preparare manicaretti e provare nuove ricette. Gli ingredienti per le sue leccornie erano fondamentali per la riuscita del piatto e lei lo sapeva. La spesa era diventata un momento interessante e ogni volta imparava qualcosa di nuovo sui prodotti che acquistava, sugli ingredienti contenuti in essi e sulla filiera produttiva. Tutto grazie alle etichette. Sua figlia cresceva, amante della buona cucina e interessata a cucinare con la sua mamma. Questa passione comune le univa. E pensare che tutto era iniziato dalla paura di una mamma un po’ pasticciona!

Questo post fa parte di un percorso itinerante di blog in blog alla scoperta del cibo e dello stare a tavola con una particolare attenzione ai principi della corretta alimentazione in collaborazione con Rio Mare e MammeAcrobate.

0
(Visited 40 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.