In vacanza con le mie bambine

noukies-1

I bambini crescono. Questo per me è diventato un dato di fatto, finalmente. E con la loro crescita cambiano anche le vacanze di noi genitori, che tornano ad essere vere VACANZE. Parliamo del mare, in particolare: quando Sofia e Cecilia erano piccole, la mia giornata in spiaggia aveva ritmi militareschi. Si cominciava con il risveglio, che avveniva di solito con le sveglia “mamma, mamma, mamma, mamma” ripetuto 12.000 volte. Poi preparazione del pranzo per la giornata al mare e della borsa per la spiaggia, che sembrava per dimensione quella che prima di diventare madre usavo per un weekend con le amiche. Poi, operazione spalma la crema a tutte e due. Poi, caricale in macchina. Poi, “mammaaa, ho sete”, “papaà, sono stanca”. E via così all day long. Sdraiarsi sull’asciugamano a prendere il sole era un miraggio: in più di un mese in Sardegna, contavo sulle dita di una mano i momenti passati sdraiata con gli occhi chiusi. Un aperitivo in spiaggia? Impossibile! Una nuotata solitaria? Manco per sogno!

“Tranquilla che poi crescono” ripeto come un mantra alle amiche che vorrebbero potersi abbronzare senza sottofondo di lamentele e cori di litigi.

noukies-3

E oggi finalmente lo posso dire: le vacanze di quest’anno si prospettano di nuovo come tali. Le mie ragazze ascoltano la musica con gli auricolari, sanno nuotare nell’acqua bassa e in mare aperto, gradiscono le piscine termali, sono disponibili a lunghe camminate per scovare nuove spiagge da scoprire, sanno intrattenersi e andare al bar della spiaggia per ordinare una bevanda che plachi la loro sete. Ma soprattutto: sanno indossare da sole il costume, anche sceglierlo dal cassetto e sono autosufficienti nello spalmarsi la crema e preparare e trasportare il loro zainetto per il mare.

noukies-2

Da ragazze amanti dell’abbigliamento come sono, continuano a voler scegliere i costumi da indossare e anche questo, negli anni è diventato un rito: in questi giorni tiriamo fuori il borsone con i loro costumi da bagno e li proviamo tutti. Dopo aver eliminato quelli che non vanno più bene o che sono sbiaditi, andiamo alla ricerca dei nuovi costumi per la stagione. Non amo i costumi da donna in miniatura e ho il vezzo di regalare ad Andrea e alle bimbe un costume della stessa collezione, che abbia un filo conduttore. Anche quest’anno abbiamo scelto Archimède, la linea di beachwear che abbiamo scoperto qualche anno fa per i costumi galleggianti con cui Cecilia ha imparato a nuotare. Ci siamo affezionati alle stampe navy di quest’anno, che abbinano righe e altri segni grafici come le stelline. Per Sofia la scelta è caduta sul verde acqua, suo colore preferito dopo il viola, e su un raffinato motivo floreale per un costume intero che la fa sentire comoda e libera. Cecilia con il suo volant in vita è perfetta, mentre Andrea ormai ogni anno apprezza il tessuto che si aciuga in fretta e l’indossabilità degli shorts.

noukies

Insomma, per noi quest’anno vacanze easy, finalmente. Questo per dirvi che una luce in fondo al tunnel c’è. Ovviamente fingo di ignorare l’adolescenza che incombe sulle nostre future vacanze e sulle notti di nuovo insonni che mi aspettano. Per ora sorseggio spritz e faccio snorkeling con la mia famiglia.

FullSizeRender 18

Questo post è offerto da Archimède Beachwear.

 

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>