Facciamo spazio alla felicità

La vita a volte è dura, non fa sconti e non sappiamo per quanto tempo ci sia concesso stare qui. E allora, quest’estate di ritmi rilassati e mare – tanto mare – ho capito che le persone brutte non le voglio accanto. Devo fare pulizia, eliminare la negatività e le brutture dalla mia vita. Voglio circondarmi di persone belle, pulite, positive e determinate.
Perché anche quest’estate ho subito la volgarità, la meschinità e la continua ricerca di scuse o di escamotage che pervade l’italica gente. Ho assistito a scene imbarazzanti e poco costruttive, con insulti volanti e finte cordialità.
E purtroppo anche nella mia vita “a casa” non cambia molto.

Ma ora basta. Da adesso in poi TOLLERANZA ZERO.

Intorno a me voglio solo più persone che non passino la vita a lamentarsi, che riescano a vedere al di là del proprio naso e che scorgano il buono in ciò che li circonda.
Non ho più intenzione di scendere a compromessi e rovinarmi la vita per cercare di tenere in piedi falsi rapporti di cordialità. Voglio poter essere me stessa e mostrare sempre e solo il meglio di me, che c’è, anche se magari è sommerso da un po’ di strati di cinismo e perbenismo accumulati negli anni…

La prima a dover fare uno sforzo per diventare così sono io – e questa è una promessa che faccio in primo luogo a me stessa.
E il passo successivo è mettere in pratica i miei obiettivi. Via i negativi dalla mia vita! 🙂

Facciamo spazio alla felicità.

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

3 Comments
  1. La rete è una stupenda onda di emozioni! E’ la stessa fase che ho passato un po’ di tempo fa. E’ meravigliosa, perché il trucco è proprio quello di vedere il bello e lasciare da parte il brutto. L’onestà con sé stesse penso che sia il primo comadamento da rispettare.
    La tua è un’insolita emancipazione ;D!
    Tanta felicità non va meritata : è un diritto verso noi stesse!
    Un abbraccio!

  2. una delle prerogative dell’età adulta è proprio quella di poter “scegliere” i nostri compagni di viaggio… quanto alle “finte cordialità” temo facciano parte della commedia umana, ma sta a noi discernere e scegliere se accettarle o meno. Hai ragione, da qualche parte bisogna iniziare!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>