Come far passare la paura degli animali domestici

crescere-con-un-pet

Sono una figlia cresciuta senza animali domestici in casa, con l’idea che i pet sporchino e siano d’impiccio all’organizzazione di weekend e vita quotidiana. Non ho sentito la mancanza di un cucciolo, nonostante fossi figlia unica (tranne quella volta in cui a una fiera volevo a tutti i costi portarmi a casa un coniglio nano che avevo scambiato per un peluche, ma il mio desiderio è durato il tempo di un capriccio).

Sono una mamma di due figlie che, guarda caso, hanno paura (ma cosa dico paura, terrore puro) dei cani e dei gatti in particolare ma di qualsiasi animale in generale. Non ho mai preso in considerazione l’idea di adottare un pet, di allargare la famiglia in questo senso.

Come prevedevo, l’evento “Crescere con un pet” a cui ho partecipato sabato scorso mi ha fatto rivedere la mia posizione e mi ha dato nuovi spunti per affrontare la paura delle mie bambine. Ecco come far superare la paura degli animali domestici ai bambini (grazie alle indicazioni di psicoterapeuta e veterinaria, molto disponibili ad aiutarmi):

  1. Innanzitutto chiediamoci il perché di questa paura: a volte è proprio l’atteggiamento dei genitori nei confronti degli animali a tenere lontani i bimbi da cani e/o gatti. Noi abbiamo paura? Se la risposta è sì, lavoriamo per prima cosa sulle nostre paure.
  2. Facciamoci ancora una domanda: siamo pronti noi a far avvicinare i nostri bimbi a un cane? Se la risposta è sì, siamo sulla buona strada e non ci resta che impegnarci al massimo.
  3. Cerchiamo un cane buono e tranquillo tra i nostri conoscenti e facciamo in modo che i bimbi impauriti lo possano guardare da lontano, potendo osservare che si comporta in modo pacato e soprattutto non pericoloso.
  4. Se possibile, facciamo in modo che i bimbi vedano anche che un altro bambino gioca con il cane, avendo sempre cura che il cane in questione sia di indole tranquilla. Lasciamo i bimbi lontani, alla distanza che preferiscono.
  5. Non forziamo i nostri figli ad accarezzare l’animale se non mostrano di volerlo fare in autonomia. Il giusto approccio, suggerito dalla psicoterapeuta, è: “lo accarezzo io per te, vuoi?”. Questo gesto sarà molto apprezzato dal bambino e sarà teraputico.
  6. Dimostriamoci sempre sereni e tranquilli in presenza di un animale domestico, evitando di spaventare i bimbi con eccessive raccomandazioni.

crescere-con-un-pet-2

La fase successiva potrebbe essere gestire la richiesta di adottare un cane/gatto. Se volete approfondire quest’aspetto, vi consiglio di leggere l’articolo di Daniela Scuola in soffitta, che affronta nel dettaglio le motivazioni, i benefici e tutto ciò che c’è da sapere sul rapporto animale/bambino prima di adottare un pet.

Non so se a casa nostra arriverà mai un animale, di sicuro non un cane perché difficilmente sarei disponibile a prendermene cura, ma  il mio obiettivo della giornata “Crescere con un pet”, ovvero avvicinare le bimbe ai cani, è stato in parte raggiunto: loro non si sono avvicinate ai cani presenti neppure durante il laboratorio sulla gestione del rapporto, ma io ho capito come aiutarle a superare la paura.

Ora, un passo per volta: intanto proporrò alle maestre di Sofia di aderire al progetto di Purina e Giunti “A scuola di petcare“, un percorso scolastico che insegni ai bimbi come prendersi cura e amare i propri animali domestici.

 

 

Grazie a Purina, Giunti e IBL Banca per avermi dato la possibilità di riflettere su un aspetto della crescita delle mie figlie che fino ad oggi avevo lasciato in un cantuccio.

0
(Visited 177 times, 1 visits today)

1 Comment

  1. Elena 1 Ott 2015 at 10:53

    Bellissimo il progetto che propongono per le scuole. Io sono educatrice cinofila e spesso è molto difficile riuscire a far accettare le proprie proposte in ambienti scolastici. In questo modo sicuramente la cultura cinofila verrà valorizzata e la relazione tra bimbi e cani potrà migliorare.
    Mi piacerebbe tanto sapere cosa ne pensano i bimbi che hanno partecipato a questo progetto! Se dovessero accettare nella scuola di Sofia tienici aggiornate!!!!

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.