Apologia della pasta madre

Pasta madre, moda o no? Non so rispondere a questa domanda, non so se la panificazione casalinga passerà tra due stagioni insieme al verde che indosseremo la prossima estate, non so se tra 10 anni qualcuno si ricorderà di quando, impazziti, facevamo uscire colombe e panettoni dai nostri forni (io fino a quel punto ancora non ci arrivo…). Eppure so che oggi come oggi per me è una sfida quotidiana, una compagna fedele e la mia camera di decompressione.

Cosa c’è di più rilassante che rispettare i tempi della natura nella lievitazione, dimenticare la frenesia e la corsa perenne per aspettare che il lievito madre faccia il proprio lavoro, con calma, e facciao lievitare l’impasto?
Cosa c’è di più appagante che sentire il profumo che si sprigiona dalla cucina e che si spande per tutta la casa, il profumo delle cose buone e genuine, quello che spero le mie figlie si porteranno nel cuore per sempre?
Cosa c’è di più defatigante di una bella “impastatura”, in cui sfogare tutti i cazzotti che avrei voluto mollare a destra e a manca durante alcune giornate?

La pasta madre l’ho avuta, lasciata e ripresa. E nel periodo in cui non era con me mi è mancata e mi è mancato quell’appuntamento a cui non ci si può sottrarre del rinfresco settimanale, della scelta del piatto da preparare con il lievito madre.

Certo, se volessi potrei fare pane, pizze e focacce anche con il lievito di birra. Ma è come dire “con i soldi che risparmiamo potremmo andare tutti i weekend in hotel da qualche parte” che tanto poi non lo fai mai.
Quindi meglio avere “un obbligo”, un barattolino vivo nel frigo che aspetta di essere rinfrescato per continuare a vivere.

Provateci, la pasta madre è catartica, rilassante e catartica. Astenersi a dieta 🙂

0
(Visited 64 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. Moky 25 Mar 2013 at 16:37

    Amo fare il pane, la pizza e le focacce, ma non ho mai utilizzato la pasta madre…dovrei farci un pensiero in proposito…

    Reply
  2. Federica alias zuccheramente 25 Mar 2013 at 19:20

    provero’ presto, inizio un mini corso di panificazione a torino dopo pasqua e poi… via con la pasta madre, non solo per il pane ma anche per i miei dolci!!!

    Reply
  3. Marina 26 Mar 2013 at 00:08

    il mio sogno proibito… ma non ho ancora avuto il coraggio di iniziare 😉

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.