Aiuto, il cesareo!

Baby being born via Caesarean Section coming out

La maggior parte delle future mamme sogna un parto naturale, dolce e soft. Molte gravidanze senza problemi si concludono, purtroppo, con un taglio cesareo. Non voglio entrare nel merito dell’incidenza di cesarei e sull’effettiva necessità di rinunciare al parto naturale in molti casi, ma mi interessa qui parlare, come ho fatto in passato, del trauma che un cesareo può essere per una mamma.

Certo, un parto come questo sarebbe il sogno di molte di noi – anche se forse la presenza del papà è un po’ ingombrante 🙂 – ma se vi dicono che bisogna fare un cesareo non perdetevi d’animo e vediamo insieme il bicchiere mezzo pieno!

 

Il cesareo può essere positivo perché:

  1. Se siete alla seconda o alla terza gravidanza, il fatto che il parto sia programmato vi permette di pianificare le attività per i fratellini in modo da non trovarvi impreparate: la vostra assenza peserà meno alla famiglia.
  2. La prima notte dopo il cesareo potrete dormire: nella maggior parte degli ospedali le mamme che hanno subito un cesareo possono lasciare i bambini alla nursery e farseli portare per allattarli. È un modo per riprendere energia…
  3. Sapete esattamente a cosa andate incontro: ciò che mi spaventava del parto naturale era il fatto di non avere la situazione sotto controllo, mentre nel cesareo sapete cosa vi faranno e come procederà l’operazione.
  4. Nella settimana successiva al parto, potete chiedere aiuto ai familiari: siete convalescenti, chi oserebbe dirvi di no ;-)?
  5. Il bambino nasce bellissimo – questa è ovviamente una forzatura, ma qualche lato positivo dobbiamo trovarlo, no?

Tornando serie, non sentitevi mamme fallite perché non potete affrontare un parto naturale, non cadete nella trappola di percepirvi come mamme a metà. Vedrete che questa sensazione di sconfitta passerà e lascerà il posto ad un dolce ricordo di quel momento, anche se si è svolto in una fredda sala operatoria invece che nel vostro salotto come immaginavate. Ho impresso nella mente l’attimo in cui mi hanno appoggiato la guancia della mia bambina sulle labbra, in cui ho affondato quel bacio che mai dimenticherò insieme al profumo di quel batuffolo. È diverso rispetto alla possibilità che hanno le mamme che hanno fatto un parto naturale di stare con il proprio bambino, abbracciati, appena nato, certo. Ma sappiate che tutto il resto si cancella e rimane solo quel dolcissimo attimo.

 

0
(Visited 48 times, 1 visits today)

1 Comment

  1. Marina - La mia vita semplice 16 Gen 2014 at 23:20

    Spesso sento o leggo che un cesareo comporta tempi lunghi per rimettersi in sesto: questo è soggettivo, per esempio io sono tornata a casa il quinto giorno senza punti, avevo una gran voglia di uscire, fare passeggiate (cosa che puntualmente ho fatto, anche se con qualche riguardo) e soprattutto tornare alla mia vita pre-gravidanza. Mio figlio è nato nella tua città, e anche questo me la rende cara 🙂

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.