Voglio essere come Vanessa Incontrada

Ieri sera guardavo i WMA, Wind Music Awards, per vedere Fedez e J-Ax (ognuno ha qualche stranezza, io ho quella). Tra un tweet e una storia su Instagram, alzo gli occhi dall’iPhone e il mio occhio rimane ipnotizzato da Vanessa Incontrada. Penso “mamma mia quanto è bella!”, splendida quarantenne dalle linee morbide e gli occhi che brillano come solo i suoi fanno, avvolta in un abito blu, fasciante nella parte bassa del corpo e morbido nella parte superiore, con un generosissimo scollo a V. Noto il tatuaggio sull’avambraccio destro, nella stessa posizione del mio, e il rossetto rosso. Penso che vorrei essere bella come lei, visto che mi riconosco di molti dettagli che le appartengono. Primo tra tutti, la taglia.

La trovavo talmente bella da scrivere ad amici “La Incontrada così cicciotta è favolosa”. L’algoritmo di Facebook ha fatto il resto e io mi sono goduta concerto, battute argute e sorrisi radiosi.

Stamattina leggo un articolo in cui si parla di feroci polemiche sui social sulla forma fisica di Vanessa Incontrada, di Selvaggia Lucarelli che è intervenuta in difesa della collega, di tweet “ironici”, di commenti al vetriolo sulla ciccia della presentatrice. Alcune considerazioni, perché i conti con il mio corpo “curvy” li faccio ogni santissimo giorno:

  • con l’ironia ci avete rotto le palle: non fa ridere mettere una foto di una persona obesa abbinandola a Vanessa Incontrada, nascondendo le proprie frustrazioni dietro una tastiera e uno schermo. Ironia è intelligente e mi spiace, tutto questo non ha niente di intelligente;
  • la bellezza non è una taglia: essere belli significa sentirsi belli. Ve lo spiego con un esempio pratico, vissuto sulla mia pelle: sono dimagrita 14 chili un anno fa, adesso sono ingrassata un po’. Mi è capitato di recente che moltissime persone mi dicessero che sono diventata bellissima, che sto benissimo, sono radiosa. Ecco, io sono una 48. L’anno scorso oscillavo tra la 44 e la 46 e mi sentivo molto meno bella di adesso. Si vede che si percepisce. La bellezza è un mix di fisicità, personalità, consapevolezza. Incasellare i corpi illudendosi di averne garanzie di bellezza è da deficienti.
  • a quarant’anni, mi spiace dirlo a chi crede nella magrezza come valore assoluto, se sei tonda non si vedono le rughe e sembri più giovane e più sana delle tue coetanee che ingurgitano insalata scondita;
  • il vestito, tanto controverso perché fasciante, metteva in risalto curve che la maggior parte delle donne si sogna. Smettiamola di suggerire abiti larghi e informi per le over-46;
  • concludo con una provocazione, che tanti troveranno una caduta di stile ma me ne farò una ragione: Vanessa Incontrada probabilmente tromba più di voi, molto di più. Forse la soluzione, per voi che il martedì sera non avete altro da dire che criticare le forme di una favolosa donna, sarebbe trovare qualcuno/a che ve lo/la dia. Ma mi rendo conto che i miracoli non si possono fare. Ah, non sono ironica, ma serissima :-).

 

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

2 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>