Vacanze in Sardegna: traghetto o aereo?

Traghetto-per-la-Sardegna

Ascolta il PODCAST

Vacanze in Sardegna? È ora di prenotare! Anzi, è già parecchio tardi, ma se sei come me un viaggiatore dell’ultimo minuto, stai affrontando proprio in questo periodo l’annosa questione: traghetto o aereo + auto a noleggio?

Vado in Sardegna da oltre 35 anni e le soluzioni per il viaggio le ho provate tutte, da bambina, da adulta senza figli, da adulta con figli, con anziani, con gatto. Insomma, ho le skill giuste per aiutarti a decidere.

La prima domanda che faccio quando mi si chiede se sia meglio andare in Sardegna in traghetto o in aereo è: “quanto durerà la tua vacanza?”

Sardegna, Gallura, Monti Russu
Sardegna, Gallura, Monti Russu

Se la risposta è “meno di 10 giorni”, il mio consiglio è quello di prendere l’aereo, per una serie di ragioni:

  1. Il viaggio in nave da Genova a Olbia o Porto Torres dura almeno 10 ore, di più se la destinazione è Cagliari – toglieresti troppo tempo alla tua vacanza, tra andata e ritorno;
  2. Il costo dell’auto a noleggio + aereo, se prenotato con parecchio anticipo, potrebbe essere nettamente inferiore di traghetto con cabina.

Ci sono molti altri aspetti che devi considerare se vuoi andare in vacanza in Sardegna e non sai se scegliere traghetto o aereo.

Quando scegliere l’aereo per raggiungere la Sardegna

L’aereo è la soluzione migliore per la tua vacanza in Sardegna se:

  1. La tua destinazione è vicina a un aeroporto – i principali in terra sarda sono Cagliari Elmas, Alghero Fertilia e Olbia Costa Smeralda – e sai che potrai fare a meno dell’auto per tutta la vacanza. informati bene, però, perché sono davvero pochissime le zone in cui non è necessaria la macchina per scoprire le bellezze dell’isola.
  2. Viaggi con bimbi molto piccoli e vuoi che il viaggio sia breve. La componente budget a questo punto passa in secondo piano. Tanto più che in aereo i bimbi sotto i 2 anni che viaggiano in braccio al genitore non pagano, quindi riesci comunque a contenere i costi.

Quando scegliere il traghetto per la Sardegna

Il traghetto è il mezzo di trasporto preferito dei vacanzieri diretti in Sardegna. Scegli la nave se:

  1. Hai una famiglia numerosa e l’aereo potrebbe rappresentare un costo molto elevato, il traghetto è la soluzione più economica, nonostante i rincari folli degli ultimi anni.
  2. Hai pianificato una vacanza on the road, ogni giorno una spiaggia diversa, molti siti archeologici, visite a città… L’auto ti servirà, perché i mezzi pubblici in Sardegna sono pochi e quei pochi molto difficili da scoprire.
  3. Hai bisogno di portare con te molti bagagli o pezzi di arredamento per la seconda casa. Il limite del bagaglio, con i voli di linea, è tra i 15 e i 20 Kg, con le compagnie low cost c’è un sovrapprezzo per il bagaglio da stiva.

 

Leggi anche:

Un amante scontroso, Sardegna

Soluzioni per risparmiare sul traghetto per la Sardegna

Se la scelta ricade sul traghetto, hai bisogno di suggerimenti per risparmiare. Il trasporto è infatti una voce di spesa che fa desistere molte persone dal fare le vacanze sull’isola. Sai quanto io ami la Sardegna e quanto bene la conosca, quindi ti consiglio di cercare soluzioni invece di rinunziare. Eccone alcune:

  • Scegli un hotel o una struttura ricettiva che offra pacchetti con nave gratis
  • Tieni sotto controllo i prezzi dei traghetti, che purtroppo hanno oscillazioni continue, e organizza le tue date con molto anticipo per avere più tempo per aspettare il momento migliore per prenotare
  • Valuta itinerari alternativi: se sei diretto nel nord Sardegna, puoi ad esempio imbarcarti a Savona o Livorno per Bastia (Corsica), attraversare in auto la Corsica e riprendere la nave nel tratto Bonifacio – Santa Teresa di Gallura. Il viaggio diventa parte della vacanza, in pieno mood slow-travel, e risparmi circa il 30%. Questa è la mia soluzione preferita.



Booking.com

 

Traghetto Sardegna: quale tratta conviene?

I porti principali in Sardegna sono Porto Torres, Olbia, Cagliari e Arbatax. Le compagnie di navigazione che operano sulla Sardegna sono:

  1. Tirrenia (Genova-Porto Torres/Olbia/Arbatax; Civitavecchia-Cagliari/Olbia/Arbatax; Napoli-Cagliari)
  2. Moby (Genova-Olbia/Porto Torres/Arbatax; Livorno-Olbia; Piombino-Olbia; Civitavecchia-Cagliari/Arbatax/Olbia; Napoli-Cagliari)
  3. Sardinia Ferries (livorno-Golfo Aranci; Nizza (FR)-Golfo Aranci; Tolone (FR)-Golfo Aranci)

In aggiunta alle tratte sopra indicate, puoi scegliere di attraversare la Corsica e raggiungere la Sardegna dalle Bocche di Bonifacio e Santa Teresa di Gallura.

Non c’è una tratta migliore dell’altra. Bisogna calcolare la durata della traversata, i costi e la città da cui si parte, per capire qual è la soluzione migliore.

 

Leggi anche:

In spiaggia con i bambini: come, shopping, le spiagge di charme in Sardegna

 

Traghetti Sardegna senza prenotare: si può fare?

Arrivare al porto senza biglietto è sconsigliato, soprattutto in alta stagione. Se per l’Isola d’Elba, per esempio, è fattibile andare in biglietteria e acquistare un biglietto per la partenza successiva, per la Sardegna le corse sono poche e molto affollate. Inoltre, comprando il biglietto il giorno stesso, l’importo potrebbe essere assai elevato.

 

Viaggiare in nave di giorno: sì o no?

Anche la scelta del viaggio diurno è molto soggettiva. Tieni presente che la nave ci mette almeno 6 ore (sulla tratta Livorno-Golfo Aranci, per esempio) fino a un massimo di 10 ore per Genova-Porto Torres. Questo tempo va impegnato in qualche modo, soprattutto se si viaggia con i bambini. Negli ultimi due anni le mie figlie ed io abbiamo viaggiato in nave di giorno, partendo da Livorno alle 14.30 e avendo quindi il tempo di svegliarci al mattino con calma e viaggiare in auto durante la mattinata. Se decidi di viaggiare di giorno, ecco i miei consigli per la traversata:

  1. arriva con parecchio anticipo al porto e mettiti in coda; avrai probabilità di salire a bordo per prima e poter scegliere il posto migliore da usare come base;
  2. guarda online la mappa del traghetto, così una volta salita a bordo saprai già dove andare a colpo sicuro, senza perderti per la nave;
  3. porta con te giochini, libri dei compiti delle vacanze, ipad con Netflix e qualche serie già scaricata, costumini e asciugamani (a bordo c’è una piccola piscina), libri e acqua; se non vuoi pranzare nei bar e nei ristoranti della nave, portati il pranzo al sacco;
  4. scegli un tavolino con sedie o sdraio all’ombra e riparato dal vento che spazzerà i ponti una volta partito il traghetto;
  5. rilassati e goditi il viaggio.

 

Leggi anche:

Sardegna con bambini: cosa fare quando fa brutto

 

In conclusione, nave o aereo per la Sardegna?

Come abbiamo visto, ci sono molte variabili da considerare nella scelta: budget, numero di persone che partecipano al viaggio, età, attitudine all’avventura, numero di giorni di vacanza, destinazione…

Con questo articolo, dovresti aver compreso le tue esigenze di viaggiatore e aver trovato la soluzione migliore per te.

Scarica l’articolo:

Scarica-articolo

Ascolta il PODCAST

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>