Un grande passo per l’umanità: come si fa colazione con la tazza

I bambini sanno fare delle cose che non neanche ci immaginiamo possibili. Chi avrebbe mai detto che Cecilia è capace di fare colazione dalla tazza come tutti noi?
Spesso scopro capacità delle mie bambine per caso, come l’inventore della Coca Cola o della penicillina – vabbè, non esageriamo!

Presa dallo sfinimento per la durata apocalittica delle colazioni di Cecilia, le ho d’istinto buttato davanti una tazza con il latte dicendole: “se non fai in fretta a bere dal bibe, da domani tazza!”.
Lei non ha fatto una piega e, serafica, ha intinto il biscotto che brandiva nel latte, ha rubato il cucchiaio alla sorella e ha recuperato il biscotto mezzo maciullato. Senza che nessuno le dicesse niente. Io e Sofia eravamo attonite.
E da qual giorno, ogni mattina ripete gli stessi gesti con la pacatezza di chi li compie da secoli.
Si sporca meno di quando beveva dal biberon e impiega meno tempo.
Una grande conquista per l’umanità!

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

2 Comments
  1. Anche Patato (20 mesi) beve dalla tazza e c’inzuppa biscotti o cereali, ancora ha qualche difficoltà col cucchiaino ma poco alla volta imparerà… 🙂

  2. Vi invidio parecchio. Mio figlio di quasi 5 anni rifiuta questo genere di “passi” per essere assistito il più possibile dalla mamma, almeno credo. Non è un mammone ma farebbe di tutto per attrarmi il più possibile nella sua orbita, quindi rifiuta la tazza, se dipendesse da lui vorrebbe che lo imboccassi (!!!) e non vuole mai vestirsi da solo.
    Aspettiamo di vedere gli sviluppi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>