The Crown di Netflix: anteprima mondiale

img_6138Esci di casa, saluti le tue figlie, “ci vediamo domani sera” e di colpo vieni catapultata in una vita parallela, fatta di aerei, auto con autisti, abiti scintillanti, red carpet e regine. Già, le regine vere, non quelle di cui narri ogni sera le storie alle tue bambine. Anche questa è la mia vita. E io l’adoro.
Questa volta sono sbarcata a Londra, per l’anteprima mondiale di The Crown, la serie Netflix che uscirà oggi in tutto il mondo. La Regina della serie si chiama Elisabetta II – c’è poco altro da aggiungere per far capire di chi parlo -, la regina della serata è stata lei, la stellare e umilissima Claire Foy, uno scricciolo di pura energia.
Sono arrivata a Londra a metà giornata, con la valigia semivuota che si conviene ad un viaggio da sola. Niente a cui pensare se non a prepararmi e tornare con le t-shirt dell’M&M’s senza le quali avrei rischiato di non essere riammessa in casa. A queste faccende mi sono dedicata. Doccia, make-up senza “mamma, mamma” in sottofondo. Quello è il punto in cui inizio a sentirmi inadeguata. Ed è quello il punto in cui mi ripeto che no, se sono lì è perché quello è il mio lavoro, ciò che so fare. L’insicurezza, quella che non ho mai pensato di scorgere negli occhi della Regina Elisabetta e che invece viene fuori dalle prime due puntate di The Crown. Nei suoi occhi vedrete un velo, un’esitazione, ma poi i suoi piedi, la sua bocca e le sue mani fanno ciò che devono, mostrando sicurezza e caparbietà.

the-crown-netflix
Anche io ho finito di prepararmi, ho indossato il mio entusiasmo e due gocce di profumo e sono uscita. Prima fermata, un drink con il team Netflix all’elegante Covent Garden Hotel. Germania, Francia, Spagna, Inghilterra e noi (Chiara Cecilia Santamaria di Machedavvero, @sarandcatherinestales per le Womoms ed io) per l’Italia.

netflix-the-crown

Da lì, gambe tremanti, occhi accesi e inviti in mano, abbiamo percorso il red carpet davanti all’Odeon in Leicester Square.

the-crown-netflix-cristiana

Tra attori e cast, abiti sfavillanti e sorrisi accoglienti, ci siamo fotografate, abbiamo riso e osservato, ripreso e incollato nella mente ogni frammento di quella “passeggiata sul tappeto rosso”.

the-crown-red-carpet
Ed eccoci dentro la sala, per le prime due puntate in prima mondiale. Due ore che sono volate via come niente, nonostante la mia fatica per seguire l’inglese senza i miei amici fidati sottotitoli. The Crown è una produzione curata nei più piccoli dettagli, con un’attenzione alla Storia che non è mai maniacale né noiosa, con un cast di altissimo livello (amo la figura di Churchill, così profondamente umano) e dei costumi che mi hanno fatto perdere il filo del discorso (perdonatemi ma non posso evitare di soffermarmi su look e vestiti, è più forte di me). Quando parlo di dettagli curati, intendo ricchezza di particolari: l’aereo della principessa Elisabetta atterra in Kenya e di fianco alla pista alcuni bambini rincorrono degli struzzi, solo per fare un esempio. Ah, apprezzerete anche il principe Philip (alias Matt Smith), marito della Regina Elisabetta, che dorme nudo. Ma fingeremo di non essercene accorte…

World Premiere of the Netflix Orignal Series The Crown
Su Netflix è disponibile la prima stagione, 10 puntate di circa un’ora. Nella riproduzione di Buckingham Palace stanno girando altre 10 puntate, che usciranno a febbraio 2017.
Ma torniamo alla serata.

the-crown-party

Come Cenerentola, siamo andate al party, a cui era presente anche lei, la Cenerentola dell’omonimo film alla cui premiere milanese avevamo partecipato io e le mie principesse. Il nostro mezzo di locomozione è stato un bus dedicato, che ci ha condotte in un’atmosfera anni Cinquanta, fatta di fiumi di champagne, dj-set, sguardi distesi di persone che si divertivano. Così abbiamo fatto anche noi: una bella serata tra ragazze, tra gli attori del cast e un’energia bella, vibrante e non eccessiva. Il rientro in hotel nel tipico taxi londinese ha concluso nel migliore dei modi questa magica nottata.

fullsizerender-39

Ho proseguito il mio viaggio da sola, che regola vuole comprenda anche una notte di sonno in un letto principesco. Abbiamo rispettato l’etichetta e ho potuto godere anche di una mattinata in giro per Londra da sola, tra ricordi, scoperte, shopping e sole.

img_6236
Come da copione, baci appiccaticci e abbracci stretti da togliermi il fiato mi aspettavano sulla porta di casa. Seguiti dalla domanda: “le magliette le hai comprate?”

 

Ho realizzato un video per raccontare l’emozione del red carpet vissuto dallo #streamteam Netflix. Eccolo:

 

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

2 Comments
  1. Che piacere leggere il tuo racconto che ho sentito sincero e genuino : )
    Ieri per me prima visione della prima puntata: dopo aver messo i bimbi a nanna, ho afferrato la mia copertina, mio marito e poi via sul divano e mi è parso, comunque, un lusso ; )
    un abbraccio grande Cristiana! A presto

    1. Grazie! Volevo proprio che foste presenti con me lì, su quel tappeto rosso. Se ci sono riuscita, a trasmettervi anche solo un pochino dell’emozione che ho provato, ne sono davvero felice.
      Hai ragione, è una serie che fa sentire principesse. Un lusso, quello di potersi godere un’ora di relax guardando qualcosa che stimoli l’intelligenza e non la mortifichi. Per questo amo Netflix.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>