Siamo specchi per i nostri figli

adolescenti

L’altra sera riflettevo sul mio comportamento come madre. Lungi da me farmi venire sensi di colpa – che mi pare di fare il possibile per crescere le bambine nel miglior modo – ma ogni tanto un esame di coscienza è necessario.

Insomma, cercavo di guardarmi dal di fuori e vedevo una mamma spesso distratta da mille scemenze, una donna che corre come una forsennata dando a volte troppa importanza a questioni di principio e troppa poca ai preziosissimi attimi che le restano da vivere ogni giorno con le sue figlie.

Ma soprattutto, ho visto una mamma che parla con le figlie e nel frattempo smanetta con il cellulare, che ascolta la poesia imparata a scuola mentre scarica la posta, che fa le coccole all’una o all’altra mentre aggiorna il feed di Facebook.

E ho fatto un salto in avanti a quando, tra qualche anno, anche Sofia e Cecilia saranno due persone social, con un account di posta, un profilo Instagram e whatsapp sempre aperto. E ho pensato che no, a tavola non permetterò che usino il cellulare e che sì, quando parlano con me dovranno appoggiare lo smartphone.

Già, pretenderò da loro cose che oggi io non faccio. Questo non è giusto. Loro ogni giorno mi vedono con l’iPhone perennemente in mano, mentre guido, parlo, cucino e stendo. Questo è l’esempio pessimo che sto dando loro.

Noi genitori siamo uno specchio in cui i figli si riflettono.

Se urliamo contro di loro, loro lo faranno con noi.

Se mangiamo stando scomposti a tavola, lo faranno anche loro.

Se manchiamo loro di rispetto, lo faranno loro a noi.

 

Pensiamoci più spesso, noi dobbiamo essere l’esempio migliore che possono avere i nostri figli!

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>