5 cose da fare in Romagna con i bambini

Se penso a un weekend lungo con bambini, la prima meta che mi viene in mente è la Romagna.  Fare turismo in tutta l’Emilia Romagna, con la famiglia, è semplice e piacevole: ci sono moltissimi luoghi da visitare, il cibo è ottimo e l’accoglienza super. La Romagna ha una marcia in più rispetto ad altre località marittime italiane per una serie di motivi di cui facilmente ti accorgi in pochi giorni di permanenza:

  1. la calda accoglienza riservata a tutti, bambini compresi;
  2. l’accessibilità, data dall’ottimo rapporto qualità prezzo di ristoranti, spiagge, negozi e attività;
  3. la varietà di attività da provare e luoghi da visitare: in pochi giorni riesci a rilassarti, visitare città d’arte, parchi acquatici, mangiare e bere come un re.

 

Dove soggiornare in Romagna con i bambini

Un weekend in Romagna con i bambini

Se viaggi con bambini al seguito, la soluzione più flessibile è quella vincente. Soprattutto se i tuoi figli sono piccoli, sarà molto pratico per te affittare un appartamento, che ti darà la possibilità di decidere gli orari dei pasti, evitare di pretendere il latte scaldato alle 3 del mattino mandando in tilt la reception e scegliere la composizione dei letti sulla base delle esigenze dei bimbi. Anche se hai una famiglia numerosa, le case vacanze in Emilia Romagna sono l’alternativa comoda ed economica all’albergo, nel quale saresti costretto a prenotare più stanze.

Cosa visitare in Romagna

Ravenna

Non c’è bisogno di dire altro. Ravenna è una meta turistica che consiglio per le famiglie con bambini che abbiano studiato i Bizantini. Saranno colpiti dai favolosi mosaici (interessanti le attività e i laboratori del TAMO  – Tutta l’Avventura del Mosaico – per i più piccoli), ma le bellezze della città, anche agli occhi dei bimbi, non si esauriscono qui. La scoperta che alle mie figlie è piaciuta di più è stato l’acquario con i pesci rossi nella Chiesa di Santo Stefano.

Per approfondire:

Mirabilandia

È il parco di divertimenti per eccellenza, in cui ti divertirai con tutta la famiglia. Trova qualcuno che ti tenga i bambini e prova le giostre adrenaliniche come il Katun! Trascorrerai una giornata divertentissima. Un consiglio: cappellino per i bimbi, scarpe aperte e abbigliamento che si asciuga in fretta. Tanta acqua.

Per approfondire:

Gradara, il paese di Paolo e Francesca

Gradara è un grazioso borgo della provincia di Pesaro Urbino, che ha la particolarità di essere il paese in cui l’amore e la morte si incrociarono nelle vite di Paolo e Francesca, anime incontrate da Dante nell’Inferno de La Divina Commedia. È molto suggestivo raccontare ai bambini o ascoltare insieme a loro dalle voci delle guide turistiche, la vicenda dei due innamorati. A distanza di anni, mia figlia ricorda ancora particolari e suggestioni di quel momento. Imperdibile!

Per approfondire e scoprire orari delle visite:

La casa delle farfalle

Il museo è una sorta di foresta incantata, popolata da meravigliose farfalle, alle spalle della città di Rimini. È un’esperienza favolosa, per i bambini di tutte le età: i piccoli si lasciano affascinare dalla magia di questi esseri variopinti, i più grandi imparano molte nozioni su un animale che va tutelato e protetto.

Altri luoghi da visitare in Romagna

  1. San Marino
  2. L’acquario di Cattolica
  3. Il centro storico di Rimini
  4. Il parco regionale del Delta del Po
  5. Le grotte di Frasassi.

 

Le attività da svolgere in Romagna sono talmente tante e variegate, da rendere questa zona una meta di vacanza per tutto l’anno. Ci siamo stati con i bambini e senza in diversi periodi dell’anno e l’abbiamo trovata accogliente e con pochi turisti nella prima parte della primavera e soprattutto in autunno. Te la consiglio come luogo per salutare l’estate con dolcezza.

 

 

 

 

 

 

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>