Rimettersi in forma: come sto facendo

IMG_5301

Non è mai troppo tardi. Basta che tu lo voglia. È sufficiente far scivolare il piedino sul lenzuolo fino a sbucare da sotto il piumone, per sentire quella sferzata di freddo che prima ti fa chiedere a te stessa perché lo stai facendo e poi ti genera un’energia tale da far fatica a contenerla. Rimettersi in forma è un’onda, che parte timida da lontano e si auto-alimenta, fino a diventare un cavallone su cui puoi fare surf, godendoti il divertimento e il panorama.

Il post-gravidanza per me è durato 7 anni. Ma alla fine il momento in cui ho detto “ok, ci sono ancora, sotto tutta questa ciccia” è arrivato. Sono lenta nel prendere decisioni – ma quando mai? Riformuliamo. Sono velocissima a prendere decisioni, ma molto lenta a volermi prendere responsabilità. Dunque ho procrastinato finché ho potuto. Ho fatto finta di non accorgermi che quella che vedevo riflessa nello specchio non ero io. Ho smesso di guardarmi e fatto in modo che anche gli altri facessero altrettanto.

Poi un bel giorno, in modo deciso, rapido e quasi indolore, ho scelto di cambiare. L’ho scelto, sì. Ecco la chiave di tutto. Fino a quel momento delle pressioni esterne, delle umiliazioni e dei vestiti che non mi entravano non m’importava nulla. Da quel momento in poi, invece, Cristiana è venuta fuori con tutta la sua determinazione. Un percorso non facile mi ha portata fin qui, fatto di allenamento, di trattamenti e di dieta. Lo sport ha finalmente ritrovato la strada di casa, ha superato la collina degli alibi e ha bussato alla mia porta in modo che non potessi fingere di non sentirlo. Ritrovarlo è stato commovente e da allora il nostro rapporto dirompente è tornato ad essere il centro del mio benessere.

Ci sono voluti i miei 34 anni per capire che il mio modello non dovevano essere le ragazze sulle copertine delle riviste di moda, la cui magrezza mai avrei raggiunto, ma che il mio obiettivo doveva essere quello di amarmi di più, di nuovo, per arrivare ad essere una donna che si piace. Non è una questione puramente estetica la mia. Con i 10 kg in meno che mi porto dietro ho raggiunto un grado di sicurezza maggiore e poi, sì, per me anche l’estetica è importante. Di strada davanti ne ho ancora tanta, ma oggi la molla che mi fa continuare su questa strada è la consapevolezza di piacermi, ogni giorno un po’ di più, e di aver finalmente rimesso me stessa in contatto con il proprio corpo attraverso lo sport. Sarà lunga e sarà dura, ma oggi mi sento finalmente bene, finalmente io.

0
(Visited 6 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. Mammafelice 29 Ott 2015 at 08:43

    Sono davvero felice per te, ma soprattutto orgogliosa del tuo coraggio.

    Reply
  2. Elena 29 Ott 2015 at 09:21

    Brava Cri, io continuo con te questo percorso, conosco la bella sensazione di sentirsi finalmente più leggere e più libere, di riscoprire il piacere di muoverti. Stai benissimo. Anche per me la strada è ancora lunga, ma avere amiche che come me seguono questo percorso, mi sprona ad andare avanti e non mollare.

    Reply
  3. Angela Ercolano 29 Ott 2015 at 09:30

    Brava! Non so se hai letto il libro 102 kg sull’anima è davvero molto bello te lo consiglio.

    Reply
  4. Simonetta 29 Ott 2015 at 10:33

    Grande e brava :). Dieci chili sono veramente molti, ma sono importanti soprattutto perché ti hanno fatto percepire quella te nascosta, unica e speciale.
    Un abbraccio :).

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *