Pasqua: la caccia alle uova a scuola

caccia-alle-uova-kinder
Fotografo Nicola Malnato

Ci sono tradizioni che vengono da altre parti del mondo e che è bello insegnare ai nostri bambini. A Pasqua, nei paesi del Nord Europa si usa organizzare una caccia alle uova per i più piccoli, che la mattina di Pasqua trascorrono alcune ore impegnati in questa attività divertente e aggregante. Kinder ha importato la festa in Italia, offrendo lo spunto per fare una sorpresa ai più piccoli.

Come sapete, le mie figlie frequentano scuole bilingue, che hanno un’attenzione particolare per le tradizioni degli altri Paesi dell’Unione Europea. Quale occasione migliore per proporre una caccia alle uova Kinder nelle loro classi? Per noi è stata una prova generale di quanto accadrà il giorno di Pasqua in campagna, quando ho intenzione di coinvolgere anche  i figli dei vicini di casa per festeggiare insieme la ricorrenza.

Vediamo come fare per organizzare una caccia alle uova Kinder a scuola.

Ogni bambino ha portato un Kinder Sorpresa in edizione pasquale, che ha consegnato con qualche giorno di anticipo. Io mi sono occupata di acquistare il premio finale, un Kinder Gran Sorpresa.

La maestra ha avvolto i Kinder Sorpresa, uno ad uno, nella carta velina colorata, formando delle caramelle di colori diversi. Le uova sono state nascoste nel giardino della scuola, sui rami degli alberi, tra l’erba, appesi ai giochi, appoggiati alle gambe della panchina, infilati sotto tovaglie da pic-nic che celavano un’ulteriore sorpresa.

Abbiamo svuotato le confezioni di Kinder Sorpresa da 6 uova decorate – che ricordano dei cestini da pic-nic – e diviso la classe in 6 squadre da 4 bambini. Ad ogni squadra abbiamo consegnato un cestino. I 6 bambini nominati da ogni squadra come portavoce si sono sfidata in un gioco del fazzoletto per scegliere il colore della propria squadra.

E via, la caccia alle uova Kinder è partita. Ogni squadra, con al polso un pezzo di stoffa del colore scelto, aveva l’obiettivo di scovare i 4 Kinder Sorpresa nascosti. Vedere tutti i bambini, all’interno della scuola, così felici di collaborare ad un obiettivo comune mi ha commossa, lo ammetto.

La squadra che ha trovato per prima tutte le uova, ha vinto il Kinder Gran Sorpresa. Ma la nostra regola è stata: festa! Quindi, sulle tovaglie che avevamo lasciato in giardino, i bambini hanno aperto tutti i Kinder Sorpresa e la merenda ha avuto inizio. La squadra vincitrice ha aperto il Kinder Gran Sorpresa, condividendo il cioccolato con i compagni.

E la sorpresa del premio finale?

Abbiamo organizzato un gioco: la maestra ha riprodotto i versi degli animali, i bambini dovevano indovinare l’animale nominandolo in inglese. Chi ne ha indovinati di più ha vinto la sorpresa. Quanto è stato divertente e quanti spunti ne ho tratto per la mia caccia alle uova Kinder del giorno di Pasqua!

Volete far partecipare i vostri bambini a una caccia alle uova Kinder ma non avete voglia di organizzarla? Il 29 marzo, in diverse città italiane, la caccia alle uova Kinder invaderà i musei dei bambini:

  • Museo Explora di Roma dalle 11.00 alle 12.00 e dalle 12.30 alle 13.30,
  • museo MUBA di Milano dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00,
  • Città della Scienza di Napoli dalle 10 alle 14.

È necessario iscriversi.

Il giorno di Pasqua a Roma, si svolgerà poi una magnifica caccia alle uova Kinder allo Stadio delle Terme di Caracalla dalle 14 alle 19, in turni di caccia alle uova di circa 45minuti, per bambini da 3 a 10 anni.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito http://www.kinder.it/it/cacciaalleuova.

E voi, organizzerete una caccia alle uova per Pasqua?

Post sponsorizzato da Kinder.

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>