Parole, silenzi e parole

silenzi-parole

Poi ad un certo punto, all’improvviso, non hai più voglia di parlare. Ti sembra che il fiato sia sprecato e la fatica che fai per farti ascoltare ti sembra insormontabile. Parole buttate nell’aria che non raggiungono nessuno e che fluttuano confondendosi con un brusio assordante.
Un nodo che ti stringe la gola, che sembra avvolgere le corde vocali, da cui i suoni fanno fatica ad uscire.
Per noi che viviamo giocando con le parole, che lavoriamo e interagiamo con esse, il black out che ogni tanto ci piomba addosso è una condizione innaturale.
Una pausa di silenzio è come una boccata d’ossigeno dopo qualche minuto d’apnea. E proprio di questo si tratta: di una reazione del corpo che, per ricaricare le batterie, sente la necessità di vivere il silenzio, entrare nelle sue spire, farsi avvolgere dalla sua immensità… per poi rituffarsi nella mischia, a parlare, spiegare, raccontare, scrivere, parlare e far fluire parole.
Ogni tanto ci vuole!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

0
(Visited 5 times, 1 visits today)

1 Comment

  1. Marina 6 Apr 2012 at 15:45

    Come diceva una bellissima canzone, “the sound of silence…”

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *