Parlare ai figli di amore e sesso

parlare-di-sesso-ai-figli

L’adolescenza e la preadolescenza si stanno avvicinando a grandi passi. Avere una figlia di 7 anni significa iniziare a chiedersi che madre sarai nei prossimi 10 anni, quale tipo di comunicazione vorresti instaurare con lei e, soprattutto, cosa dovrai aspettarti di dover affrontare.

Chi mi conosce sa che per me il fantasma maggiore della maternità non sono le pappe e le notti insonni dei primi anni, ma l’adolescenza. Se per la prima infanzia mi sentivo preparata e all’altezza, per l’adolescenza mi sento nuda e senza supporti.

Sto riflettendo molto su come fare per rendere le mie figlie delle giovani donne accorte e responsabili, pur senza togliere loro autonomia e libertà. Infatti, credo che la libertà e l’autonomia siano ingredienti irrinunciabili per la formazione di donne in grado di badare a se stesse, con una stima di se stesse tale da non permettere a nessuno di mancare di rispetto.

Credo di essere arrivata alla conclusione che mi importi poco di atteggiamenti “libertini”: se in alcune fasi saranno un po’ più libere di altre non è ciò che mi metterà in allarme. Ciò che mi preoccupa maggiormente è invece la sensazione che i ragazzini di oggi, complice anche la cultura youporniana con la quale si avvicinano al sesso, percepisca sesso e amore come due entità separate, che nulla hanno da spartire tra loro. Il sesso va fatto. E come lo fanno su youporn.

Questo mi spaventa, su questo mi sento impreparata. Vorrei che la loro prima volta avesse un alone d’amore, che si trasformasse in un ricordo dolce da portarsi dietro tutta la vita. A quanti anni poco importa, ciò che conta è che sia una scelta consapevole e ponderata, non un “mi tolgo un problema, così posso dire anch’io di averlo fatto”.

Mi chiederete: perché ti fai queste domande quando tua figlia ha 7 anni? Vi dirò, credo che l’educazione all’affettività e alla sessualità debbano accompagnare l’infanzia dei nostri figli, attraverso il nostro esempio di amore e discorsi, che come semi sono sicura germoglieranno quando sarà il momento. Io ho fiducia nelle mie figlie, so che potranno essere delle adolescenti consapevoli, che faranno cazzate e che compiranno errori, ma credo che questa connessione sesso-amore possa essere l’unico strumento che posso mettere nelle loro mani. Sperando che ne facciano buon uso.

L’altra domanda che so che avete in mente è: che senso ha parlare di sesso con una bambina di 7 anni? Bene, non lo faccio in modo diretto. Alla fatidica domanda “come entrano i bambini nella pancia della mamma?” ho risposto nominando come primo punto l’amore, per poi passare a una descrizione molto semplice di quando mamma e papà hanno fatto l’amore dando loro la vita. L’amore che genera la vita, l’amore che unisce due corpi fino a far diventare due anime una sola. Di questo parlo loro, facendo respirare l’amore in casa, facendole sentire amate sempre e comunque, mettendo le basi per quell’autostima che spero le accompagni sempre e le tenga lontane dagli uomini che confondono l’amore col possesso, il sesso con la violenza.

Io questo posso fare, da mamma, per ora.

In futuro sarò pronta ad ascoltare, confortare e comprendere, astenendomi dal giudicare, senza la presunzione di sostenere che le mie figlie non mi nasconderanno qualcosa, senza l’illusione di essere una loro amica, con l’unico obiettivo di restare un loro punto di riferimento irrinunciabile finché ne sentiranno il bisogno.

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

1 Comment
  1. Bel post. Non è mai troppo tardi per pensarci e ragionarci sopra. Sono argomenti “scottanti” per alcuni versi dove si pensa sempre di fare qualche errore.
    I tempi sono ampiamente cambiati, hai ragione. Tuttavi non ricordo che “ai miei tempi” i miei genitori mi dissero qualcosa di speciale a riguardo. Noi però abbiamo una femmina e, chissà perchè, temo che le cose saranno belle complicate…

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>