Nuotate nel cuore

image

Non me lo ricordavo. Il freddo improvviso, le gambe che si muovono libere, quella sensazione di essere tornata a casa, finalmente, dopo troppo tempo. Mi guardo intorno e il panorama mi riempie il cuore. Sono a casa, sì. Riempio i polmoni d’aria e torno a immergermi in quell’azzurro, in cui le voci finalmente tacciono e i pensieri fluiscono al ritmo delle ondine che si infrangono contro i miei capelli. Osservo un pesce, resto ipnotizzata da un banco di sardine. Il mio sguardo cerca la fine di quel baratro blu che sta sotto di me. Nessuna paura, nessun timore. L’acqua lava via quello che in un anno mi è rimasto attaccato e il pensiero si fa lucido e chiaro. Il sale lascia nella mia bocca quel retrogusto metallico e sulla mia pelle il piacevolissimo pizzicorio. Il suono della vita subacquea mi rapisce e so già che stanotte, mentre mi addormenterò, mi lascerò cullare dalla musica ritmata delle onde, che da dentro di me non se ne va. Stanotte, quando la solita coltre di nebbia avvolgerà di nuovo il mio pensiero.

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>