Come Netflix ha cambiato la vita della mia famiglia

Da quel novembre 2015 in cui Netflix è arrivato anche in Italia, la mia vita è cambiata. I veri cambiamenti spesso non sono gli stravolgimenti di vita, ma la modifica graduale delle abitudini. Così è accaduto anche nella mia famiglia, con un nuovo modo di vedere la tv.

Come è cambiato il modo di vedere la tv per noi adulti

Prima di Netflix Andrea ed io avevamo la settimana scandita dalle nuove puntate delle serie tv, che aspettavamo con ansia e di cui puntualmente perdevamo il segno. A pensarci adesso, come si fa a vedere una saga come Games of Thrones una puntata alla volta?

Oggi, iniziamo una serie e nei successivi 30-60 giorni, dedichiamo ogni sera a vederla. Ma non è tutto:

da quando c’è Netflix qui non si dorme più.

È una dimostrazione di forza di volontà, ogni sera, riuscire a spegnere il decoder. E, si sa, in quanto a forza di volontà io non sono una campionessa.

Come Netflix ha cambiato le abitudini delle bambine

Poi ci sono loro, le mie figlie. Hanno sempre guardato i canali tv di Sky dedicati a loro. All’inizio, durante i primi mesi di abbonamento a Netflix, abbiamo continuato a mantenere il vecchio abbonamento per paura che alle bambine non interessasse Netflix. Invece, si trattava solo di un periodo di transizione.

Da “cosa c’è adesso in tv?” siamo passati a “Cosa vogliamo guardare adesso in tv?”

che non è una rivoluzione da poco. Sono le bimbe a scegliere, sui loro profili, ciò che vogliono guardare: serie tv, cartoni animati o film. Questa pratica di poter guardare ciò che si vuole quando si vuole si chiama binge-watching.

Io, intanto, mi segno tutti i titoli che vorrei guardassero, non appena saranno un po’ più grandi. Piano piano, sto iniziando a tirare fuori qualche titolo che ho amato e che credo possa insegnare loro qualcosa, anche se la visione di certe serie come “Modern Family” per due bimbe di 7 e 9 anni ad alcuni potrebbe sembrare eccessiva.

Non credo che la televisione sia qualcosa di negativo, da evitare per i bambini. Sarei ipocrita a spararmi maratone notturne o nei weekend, delle mie serie preferite, e impedire a loro di vederla. Eliminare qualcosa dalla vita di un bambino rende quel qualcosa il sogno proibito. Ho visto bambini che arrivati davanti a un televisore non hanno giocato per tutto il pomeriggio con gli amichetti perché finalmente avevano l’opportunità di guardare i cartoni. Insomma, la giusta misura per me è sempre l’equilibrio. La grandissima varietà di contenuti per bambini/ragazzi, poi, rende Netflix una fonte inesauribile di prodotti di qualità. Ad avercene di serie così, quando eravamo ragazzini, noi che guardavamo Zack e Cody e College…

 

Cosa stiamo guardando su Netflix

Le bambine sono alla quinta stagione di Modern Family, come dicevo. La naturalezza con cui commentano situazioni che pensavo le avrebbero imbarazzate mi fa sperare in un futuro migliore, davvero.

Nel frattempo non si perdono neanche una puntata di Project MC2, che abbiamo già visto e rivisto insieme. Sì, lo ammetto, piace moltissimo anche a me.

Visto che Sofia dopo aver seguito Una serie di sfortunati eventi ha deciso di leggerne i libri (ecco un altro aspetto positivo della tv ben fatta per i bambini!), adesso stanno riguardando le puntate man mano che la grande di casa legge i libri.

E noi adulti?

Entrambi ci siamo appassionati a Mad Men, che non avevamo mai avuto occasione di vedere finora e che, come puoi immaginare se conosci me e la mia storia nella pubblicità, mi sta appassionando molto.

Io sto parallelamente vedendo GirlBoss, molto ben fatto e coinvolgente… E poi quei vestiti, tanto ammore!

 

Insomma, le nostre abitudini quotidiane sono cambiate parecchio dall’arrivo di Netflix e, a parte il sonno perenne, direi in meglio!

 

 

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>