MOPPY igienizza la casa ma non i bambini!

MOPPY POLTI

Qualche settimana fa ci è giunta una nuova e divertente sfida da parte di POLTI.

La Polti ha messo a disposizione il nuovissimo prodotto, MOPPY POLTI, io ho nuovamente  messo a disposizione la casa, gli animali, i miei bambini, il nostro poco tempo libero e la poca voglia quotidiana.

In realtà ciò che metto a disposizione è anche la pazienza, che di fatto è la virtù di quelli che prima o poi esploderanno come un bombolone al cioccolato caricato eccessivamente, ma con amore, dal mio fido pasticciere.

La sfida era come sempre molto allettante e vi garantisco che non sono una persona che si lascia impressionare facilmente.

Riuscirà Max ad utilizzare MOPPY ed igienizzare casa?

Riuscirà Polti a battere batteri e germi 99,9% a 0,1%?*

Ho preso MOPPY, l’ho montato e l’ho lasciato in bella mostra al centro del mio bagno, in attesa di poterci conoscere meglio, fare amicizia e perché no, trovare finalmente quel feeling necessario per poter, assieme, vincere la sfida.

Così, qualche giorno fa…

 

GUARDA IL VIDEO

Interno giorno.

Era una notte lunga e tempestosa, diceva Snoopy; Era un pomeriggio, uno di quelli caldi e afosi, dico io. Proprio uno di questi degli ultimi giorni, in cui vorresti poterti immergere in una vasca piena d’acqua fredda, assieme a cubetti di ghiaccio che nemmeno il Lime sul fondo del Mojito ne ha mai visti così tanti!

Avevo preparato i bambini con tanto di doccia e avevo fatto indossare loro una nuova e profumata mise. Puliti ed ordinati, nemmeno li avessi appena tolti dalla naftalina!

Mi ero sbarbato, docciato, profumato, avevo messo un abito elegante (la serata richiedeva il massimo dell’eleganza) e mi stavo accingendo ad uscire mentre, alle mie spalle, la lunga scia di profumo, deodorante, bagno schiuma e dopobarba riempiva corridoi e stanze.

Ero là, fresco e profumato di violetta, quando mi accorsi che i miei figli avevano:

  1. Riempito il corridoio di giocattoli
  2. Inseguito il cane che a sua volta aveva inseguito il gatto, il quale nella fuga, aveva deciso di ribaltare con precisione certosina la ciotola dell’acqua.
  3. Avevano continuato ad inseguirsi passando amabilmente sull’acqua, imbrattando tutto l’imbrattabile ed oltre, come nemmeno Peppa riesce a fare quando sul suo cammino le si para una pozza di fango.

Cosa fare?

Gridare come Totò Schillaci dopo un goal, mentre inseguo i bambini? Trasformarmi in Homer Simpson gridando loro “brutti bagarospi”?

Panico. Recuperare secchio, straccio, e igienizzante per ripulire casa prima di uscire per la serata di gala? Già mi vedevo liso e sfatto di fronte a tante persone, cercando di emanare gli ultimi scampoli di profumo…

Mi diressi verso il bagno ed il MOPPY stava là, elegante e fiero, demoniaco, mi strizzava l’occhietto come a dire “io e te ci stavamo cercando, ci stavamo aspettando, ora sono qui per te”

MOPPY

Iniziai a riordinare la moltitudine di giocattoli presenti sul pavimento e frattanto collegai il fido MOPPYalla presa di corrente, non prima di aver riempito d’acqua il suo serbatoio posto nella base.

Appena il Led mi diede lo START partii, rapido e agile, come un giocatore di Curling. Loro generalmente sul ghiaccio, io sempre sul parquet. Mi catapultai ad igienizzare e ripulire il pavimento dalle improvvise sopraggiunte intemperie che i meteorologi chiamerebbero “ciclone miei figli”.

Cambiai il panno, avendo il secondo in dotazione, per igienizzare la seconda metà della casa!

Et Voillà. Finito. Rapido, agile e senza particolari fatiche.

Addio secchio, straccio e prodotti chimici che alla lunga rovinano la pelle.

Arrivederci fatica e benrimasto profumo di violetta. La serata fu salva come del resto il mio look!

Se mi chiedete qualcosa da sottolineare di non estremamente positivo, vi dico che non saprei. MOPPY fa benissimo il suo lavoro. Riportando lo spazzolone senza filo sulla base di ricarica si procede con l’igienizzazione del panno prima di passarlo nuovamente per terra.

La leggerezza è uno dei suoi principali punti vincenti, dopo la praticità.

Se proprio devo cercare qualcosa di negativo, probabilmente avrei dotato il MOPPY di uno shacker per cocktails.

Io metto il lime ed il ghiaccio!

Moppy lava e igienizza tutti i pavimenti senza l’utilizzo di detersivi, per mezzo di un panno caldo intriso di vapore. Così rimuove sporco e batteri.*
Moppy pulisce con il vapore anche le superfici verticali lavabili (porte, armadi, pareti piastrellate) usando il panno in microfibra.

Inoltre è predisposto per l’utilizzo di panni elettrostatici con i quali potrete facilmente catturare e rimuovere  la polvere.

Moppy è pratico e veloce: la sua base di ricarica vapore e igienizzazione del panno è pronta in pochi secondi mentre il suo spazzolone senza filo ultraleggero, snodato e sottile raggiunge anche i punti più difficili con la massima libertà di movimento.

Insomma, con sole 5 mosse potrete igienizzare casa con la stessa serenità di Massimiliano!

  1. riempi il serbatoio della base con acqua di rubinetto
  2. vaporizza il panno sulla base
  3. pulisci la superficie con il panno caldo in microfibra che rimuove e trattiene facilmente sporco e batteri
  4. raggiungi anche i punti più difficili
  5. vaporizza di nuovo il panno ed elimina il 99,9% di germi e batteri*

*Moppy è stato testato sui più comuni batteri come Escherichia coli, Enterococcus faecalis, Pseudomonas aeruginosa, Salmonella enterica, Aspergillus brasiliensis. Moppy, utilizzato seguendo correttamente le indicazioni del manuale d’uso, rimuove dalle superfici il 99,9% dei batteri già con una sola passata e li trattiene. Moppy elimina il 99,9% di germi e batteri dal panno durante la vaporizzazione sulla base di ricarica.

Massimiliano

Sono Massimiliano Di Nicolantonio ma mi conoscete come Max Dejavù. Sono un poco scrittore e un poco blogger. Un po' tecnico e un molto padre. Sono un po' potamo e un po' troppo tutto il resto. Scrivo, disegno, presento e racconto.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>