Mercatini di Natale. Merano, Bolzano, Lana e Cagliari.

Mercatini di Natale
Mercatini di Natale

Non sentite nell’aria quel profumo frizzante tipico del Natale? Le luci dei Mercatini di Natale, quell’aria di amore che riempie occhi e cuori?

Smettetela di fare i Grinch, smettetela di litigare per strada, insultare gli altri automobilisti. Basta guardar in cagnesco le mamme delle vostra Chat delle Mamme di scuola e catechismo. Smettetela di fare i gradassi con la barista del vostro bar (tanto non ci sta e vi trova proprio cessi!)

Mercatini di Natale di Lana
Mercatini di Natale di Lana

E’ Natale, Natale. Riempite i vostri cuori di gioia, dovete seminare amore!
Avrete tempo, dopo, per riprendere a litigare e tradire il vostro partner, menare vostri figli, sparlare dei vicini, rigare la macchina del fesso che vi occupa il passo carraio.

Nella Prima Guerra Mondiale, Italiani e Austriaci così come Tedeschi e Francesi, per le feste alzavano bandiera bianca e si scambiavano doni e provviste, festosi e felici, fraterni. Proprio come Caino e Abele nei loro giorni migliori.

Mercatini di Merano, Area ristoro
Mercatini di Merano, Area ristoro

A parte gli scherzi, l’unico consiglio che vi posso dare di cuore è: BASTA CENTRI COMMERCIALI. Fatelo per vostri figli ma soprattutto per voi, per il vostro rapporto d’amore con il vostro partner, per dare una rispolverata al cuore, per tirar fuori la parte bella e romantica del vostro animo rinsecchito dopo un anno di turbolenze emotive.

Andate nei Mercatini di Natale. Ogni città ne ha uno, ognuno con le sue caratteristiche di tradizione e cultura.

Merano, Bottega delle decorazioni natalizie
Merano, Bottega delle decorazioni natalizie

Se siete in vacanza o in giro per lavoro, se vi capita di passare in queste meravigliose terre, andata a visitare i Mercatini di Natale di Merano, quelli di Bolzano, quelli di Lana ma soprattutto i mercatini di Natale di Cagliari!

Mercatini di Merano, Lana, Bolzano e Cagliari!

Personalmente mi sono sentito come se qualcuno mi avesse improvvisamente calato all’interno di un villaggio elfico, pieno di colori e profumi natalizi: cannella e zenzero. Io che ho vissuto i miei natali sempre in maniera malinconica, ricchi di assenze e di mancanze. Io che ho amato l’idea di Babbo Natale, delle sue renne e dei suoi folletti magici. Io che ho attraversato le mie più grandi catastrofi sentimentali attraverso la porta del Natale, vi dico che se c’è un posto che può ristorarvi il cuore, questi sono proprio i Mercatini.

Mercatini di Merano, Capanna delle decorazioni natalizie.
Mercatini di Merano, Capanna delle decorazioni natalizie.

Al Diavolo i grandi magazzini, centri commerciali o le fucine dello sfrenato commercio di massa. Se volete fare un regalo che abbia un valore vero, differente, allora lo troverete proprio là.

Mi sono sentito catapultato nella mia infanzia. Un turbinio di emozioni mi ha stritolato le budella. Non c’era molto da dire, potevo solo stare zitto e ascoltare, respirare, ammirare.

I commercianti delle bancarelle, facce sorridenti e paffutelle, osservano i turisti fare le vasche su e giù per il corso di Merano, lungo viale che costeggia il fiume Passirio. Si può subito capire che queste bancarelle ambulanti sono dei mercati gestiti da professionisti. La fattura degli oggetti, la qualità dei prodotti è elevatissima. Sicuramente ogni cosa costa qualcosa in più rispetto ad un supermercato o un negozio in centro ma, alla fine, la differenza di prezzo viene restituita con gli interessi dalla straordinaria scenografia.

I bambini restano estasiati osservano il negozio di giocattoli e  gli addobbi natalizi, ammirano affamati la bottega del fornaio che prepara, inforna e sforna il pane, ogni tipologia di pane, con tanta passione.

 

 

Mercatini di Merano, Bottega del fornaio.
Mercatini di Merano, Bottega del fornaio.

La verità è che ogni adulto usa il proprio figlio per poter camminare lungo i sentieri, le bancarelle  e i profumi dei Mercatini di Natale di Merano, Bolzano e Lana.

Ogni persona adora l’aria di festa che si respira, quella di quando eravamo piccoli, incoscienti e creduloni. Ognuno di noi adora ritornare ingenuamente al periodo più spensierato della sua vita. A Merano, Bolzano, Lana e anche a Cagliari, lo fanno tutti, siano di passaggio per lavoro, in vacanza o solo in giro a bighellonare senza meta.

Mercatini di Natale
Mercatini di Natale

Il Vin Brulè la fa da padrone, assieme a Brezel con Speck (il miglior speck mai mangiato) e formaggio affumicato. I panini con Wurstel e mostarda sono un prodotto tipico del Sud Tirolo quindi risulta impossibile sottrarsi al classico rito del “vediamo se è buono come quello che fanno gli ambulanti vicino casa”

Nei mercatini di Natale di Cagliari invece la fanno da padrone la birra (estate ed inverno in Sardegna fa poca differenza) contornata da salsiccia e patatine, wurstel e ketchup. 

Merano, Bolzano e Lana offrono inoltre decine di bancarelle che propongono leccornie dolci, tipiche di queste verdi lande: strudel, mele glassate, dolci di zenzero e cannella, cioccolato di ogni dimensione e genere.

Insomma, già l’offerta proposta vi metterà a dura prova, dopo ci si metterà anche il vostro stomaco coadiuvato dalla vostra coscienza da dieta del lunedì. Ci si mettono poi i rivenditori di formaggio tipico: formaggio della Malga, Puzzone, Caprino, Tosela, Dolomiti e stranamente (di chiara importazione) pecorino sardo.

Merano, decorazioni natalizie.
Merano, decorazioni natalizie.

Decorazioni natalizie per le vostre case ne troverete a bizzeffe. Ogni bancarella propone i propri pezzi altamente e riccamente decorati.

Ci sono le palle natalizie, le sfere con la neve, le decorazioni in legno homemade, i personaggi del presepe, i personaggi natalizi da appendere all’albero. Insomma una scelta di decorazioni così vasta da far uscire di testa chiunque.

Mercatini di Natale a Bolzano.
Mercatini di Natale a Bolzano.

Devo ammettere che i prezzi per ogni singolo pezzo sono veramente elevati. Realizzare un albero di Natale con questi prodotti può arrivare a costare diverse migliaia di euro.

Tuttavia ammetto che qualche pezzo, qua e là per l’albero, possano alla fine migliorarlo, arricchirlo senza esagerare o stravolgere uno stile più leggero e sobrio.

Dare quel tocco di qualità decisivo, in più, che farà apparire il vostro albero meno comune o dozzinale di tutti gli altri.

Ogni tanto bisogna pur viziarsi con una carezza per gli occhi e una per il cuore. Torniamo ad essere umani, torniamo a curare la nostra anima bambina.

Un tuffo nella tradizione e un tuffo nel nostro cuore.

Massimiliano

Sono Massimiliano Di Nicolantonio ma mi conoscete come Max Dejavù. Sono un poco scrittore e un poco blogger. Un po' tecnico e un molto padre. Sono un po' potamo e un po' troppo tutto il resto. Scrivo, disegno, presento e racconto.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>