Mamme imprenditrici: Francesca Camerota Baby Planner Italia

Per la rubrica Mamme Imprenditrici, ho il piacere di presentarvi un’altra donna in gamba che con la sua professionalità ha creato un’interessante e utile impresa. Dopo Manuela Cervetti, Antonella Pfeiffer e Raffaella Caso, ho avuto il piacere di conoscere e intervistare anche Francesca Camerota, fondatrice di Baby Planner Italia. Devo ringraziare Micaela di Le M Cronache per aver fatto incrociare le nostre strade.



Quanto sei cambiata dopo la nascita dei tuoi figli?

La nascita delle mie figlie mi ha molto cambiato, ma soprattutto ha cambiato il mio stile di vita e le mie priorità. Confesso che con la nascita della mia prima bambina, Carolina, non è stato per me molto semplice accettare il cambiamento: per quanto l’avessi desiderata e l’amassi, il suo arrivo è stato per me veramente stravolgente. Con il tempo mi sono abituata ai nuovi ritmi di vita e ho assunto maggiore consapevolezza delle necessarie modifiche. L’arrivo della seconda, Michela, ovviamente è stato più semplice . Ora mi sento molto più ricca di amore e di gioia per le mie bimbe e la mia famiglia, ma sicuramente sono meno spensierata di prima!

Che lavoro facevi prima di iniziare la tua attività di baby planner? 

Ho lavorato come consulente aziendale per 6 anni e altri 5 anni come manager di una società di architettura. La laurea e il dottorato in economia prima e l’esperienza manageriale dopo mi hanno sicuramente dato moltissimo in termini di competenze ed esperienze di vita, che si sono rilevate fondamentali per creare una realtà imprenditoriale tutta mia!

Come è nato e in cosa consiste Baby Planner Italia?

Baby Planner Italia è un’agenzia che offre servizi alle future e neo mamme: dall’organizzazione di feste private (baby shower, battesimi e feste per bambini), al supporto nell’organizzazione quotidiana e al personal shopping premaman e per bambini. L’idea nasce dalla mia passione nell’organizzare eventi e occasioni di svago e nel voler offrire un servizio nuovo ed esclusivo per le mamme, spesso un po’ trascurate e poco coccolate in quei dettagli che invece è giusto godersi e concedersi! Sono molto sensibile alle esigenze delle neomamme che spesso si sentono un po’ spaesate e sole,e questa è una grande verità che dobbiamo affrontare. Allora perché non creare qualcosa a dimensione delle esigenze e delle aspettative delle mamme?

Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro? 

Vorrei che la mia attività imprenditoriale cresca e si rafforzi, insieme anche quelle delle altre mamme che sono entrate a far parte del network Baby Planner Italia. Si perché ci sono già due affiliate Baby Planner Italia a Milano e Torino. Sono altre due mamme “in gamba” e molto brave che si sono messe alla prova!

Cosa consiglieresti ad una donna che vuole buttarsi in un’attività in proprio? 

Realizzare un’attività imprenditoriale è impegnativo e richiede entusiasmo e convinzione. Se ci sono i presupposti (che spesso sono l’aspetto più ostico della questione) e lo spirito giusto sicuramente consiglio di provare a realizzare il proprio sogno! Certo non è tutto “rose e fiori”, ma secondo me l’impegno e la professionalità riescono sempre a farsi valere. Inoltre consiglio di ricordarsi che non è necessario fare tutto da soli, secondo me il successo di una propria attività imprenditoriale è la rete di professionisti, amici, consulenti, collaboratori che ci sappiamo costruire intorno.


Francesca vuole aggiungere alla nostra intervista una riflessione che condivido e che sono orgogliosa di ospitare sul mio blog.

Vorrei solo aggiungere questa mia considerazione personale a cui tengo molto.
Le donne sono ricche di idee e di grande capacità organizzativa, spesso inespresse o sottovalutate perché l’impostazione della società e della cultura nel nostro Paese in questo momento impongono alle donne di sacrificare le proprie ambizioni per dedicarsi alla famiglia.
Io credo molto nella famiglia e le mie scelte di vita sono state fatte in dimensione del fatto che non volevo stare lontana dalle mie figlie. Diciamo che ho cercato di ricrearmi, per quanto fosse possibile, delle dimensioni lavorative che mi gratificassero e mi permettessero di coniugare alla mia voglia di stare con le mie figlie. Ma è stata una mia libera scelta.
Non per questo penso che le donne debbano rinunciare forzatamente alla loro voglia di fare carriera. Tutte dovrebbero avere la libertà di scelta su cosa fare, e spesso non è così. Anche perché molto cambia in base all’età in cui abbiamo i nostri figli, al tipo di lavoro che desideriamo, alle nostre aspirazioni. La donna è una creatrice per eccellenza: devono lasciarci creare!
Secondo me, questo però sarà veramente possibile e le donne potranno avere le stesse opportunità lavorative degli uomini solo quando la cultura dell’ equità sarà diffusa e condivisa. Quindi alle future e neo mamme dico: abituate i vostri figli e le vostre figlie a una cultura che sia di equità e parità tra i sessi, e per educare loro, educhiamoci anche noi!

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

11 Comments
  1. Ciao, ti seguo sempre via mail, ma mi ero persa questa tua rubrica. Se non ti dispiace twitto i tuoi post sull’imprenditorialità al femminile con l’hashtag #noivaliamo.
    Più siamo a ripensarci come professioniste e meglio è per tutti.
    Un abbraccio e a presto!

  2. @Moky si, proprio brava la nostra Francesca 🙂
    @La solita mamma certo! L’intento della mia rubrica è proprio quello di far comprendere che è possibile, che con la passione, la professionalità e l’impegno i risultati arrivano!

  3. Ciao a tutte,
    ho letto l’intervista, anche se in qualità di maritino conoscevo in parte i contenuti.
    Voi donne siete una vera risorsa, avete intuizione, siete testarde e soprattutto siete in grado di fare più cose senza ridurre la qualità dei risultati.
    Dall’intervista e dai vostri commenti si sente una voglia e una forza pazzesca di “fare”e di continuare ad essere donne.
    Sono fiero e orgoglioso di avere al mio fianco una donna con queste caratteristiche anche se in alcuni momenti oltre a supportarla ho dovuto sopportarla. Il ruolo dei maritini/compagni è fondamentale nel perseguimento e realizzazione di questi progetti. Io personalmente ho fatto fatica ad accettare che lei lasciasse un posto fisso per inseguire il suo sogno e credo di averle creato non pochi problemi. Avevo evidenziato tutti gli aspetti negativi mentre lei continuava a sottolineare quelli positivi. Alla fine ha vinto la sua tenacia…Ed ogni giorno che passa da quella sofferta decisione sono sempre più convinto che sia stata la scelta migliore.

  4. Complimenti mi sembra un’attività fantastica! faccio un grande in bocca al lupo a francesca per questa attività! Grazie per avermela fatta conoscere!!!!

  5. Questa storia di successo mi apre il cuore: provo sempre un grande senso di soddisfazione, quando leggo storie di donne che come Francesca credono nelle loro capacità e da lì partono per creare qualcosa di concreto.

    E leggendo l’intervento de Il Maritino non posso non pensare al mio, di marito, senza il quale forse non avrei mai potuto lasciare il precedente lavoro fisso per dare vita a una mia piccola idea imprenditoriale che mi permette di conciliare lavoro e famiglia.

    Grazie Cristiana, Francesca e Maritino!

    Marina

  6. Grazie mille a tutti!!! Mi riempite di gioia…
    Devo dire che quando ricevo complimenti da persone amiche, ex colleghi e da mio marito (!!) sento di aver già raggiunto un bel traguardo!!!

    Ma spero di darvi grandi soddisfazioni!

    Incrociao le dita e grazie ancora
    Francesca

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>