Mamma sempre più stupita

Le cose capitano sempre per caso: sono mesi che giro come una matta per scuole materne, asili nidi, ecc. alla ricerca di un luogo accogliente, allegro e non da mutuo in cui mandare Sofia a “giocare con i bimbi”. Questa mattina, per caso, incontro la mamma di Matteo, bimbo col quale Sofia andava ad acquaticità – presto scriverò un post anche su questo argomento… – che mi racconta di aver trovato un baby parking con queste caratteristiche. Detto-fatto: appena le bimbe si svegliano dalla nanna del pomeriggio, salgo in metropolitana – Sofia: “Io patatana, io patatana” – e mi fiondo nel luogo indicato un po’ ansiosa per le possibili reazioni di Sofia.
Entriamo, pareti coloratissime, bambini festosi che scorazzano, giochi, armadietti e tutto ciò che fa “asilo”. La maestra ci accoglie sorridente e “facciamo la prova”. Sofia entra nella stanza del gioco libero e io penso: “adesso mi attacca ai pantaloni e inizia a urlare come un ossesso, non ce la faremo mai…”; si avvicina ai giocattoli, li tocca e avviene il miracolo: inizia a giocare con i bambini come non ha mai fatto prima, io mi allontano per allattare Cecilia e colgo l’occasione per svignarmela per un po’ e lei nemmeno mi cerca. Dopo due ore dico: “Bene, adesso andiamo a casa” e lei reagisce con il pianto disperato che mi sarei aspettata all’arrivo… Domani mattina secondo step: due ore da sola. Vi aggiornerò ma nel frattempo ho imparato una cosa: non farò mai più previsioni sulle reazioni di mia figlia, tanto non ci azzecco mai!

 

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

2 Comments
  1. Mi chiedo…. perchè sei stupita? Io dai bambini mi aspetto sempre il massimo, e devo dire, raramente(e forse non è mai capitato)tradiscono le mie aspettative. Con questo spirito li avvicino ad ogni cosa, io felice e serena, loro pure. I bambini utilizzano tutti i sensi per capire il mondo e riconoscono le ansie dei genitori anche se questi si stampano in viso il sorriso di circostanza. Abbassiamo il nostro livello di stress e tutto sarà semplice.

  2. Hai perfettamente ragione, Bararbara. L’inizio dell’asilo è la tappa che mi ha sempre messo ansia: di sicuro sarà per l’esperienza negativa che ho vissuto da bambina, in più Sofia ha dimostrato finora di non voler stare da sola con altri bimbi, è sempre schiva e nonostante noi cercassimo di spronarla a socializzare, lei evitava il contatto prolungato con gli altri. Ecco spiegata la mia ansia. Sono d’accordissimo con te sul fatto che i bimbi “respirino” la nostra ansia e la percepiscano anche se noi la camuffiamo… Il loro sesto senso è più forte di ogni nostra maschera!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>