La pulizia dei vetri più facile è con l’aspiragocce Kaercher

kaercher-aspiragocce-head

Lavare i vetri di casa è una di quelle attività che rimando di continuo. Non sopporto dover faticare con stracci che si bagnano dopo due passate e dover controllare di non lasciare aloni – che puntualmente all’arrivo del sole compaiono come funghi.

Ho provato l’aspiragocce WV 51 Plus di Kaercher, un sistema di pulizia che non lascia aloni né goccioline sui vetri. Sì, l’ho provato, ma sapete la cosa più interessante? L’aspiragocce è un oggetto dal design tecnologico che ha subito attirato l’attenzione dell’uomo di casa. Così, dopo aver dato una piccola dimostrazione d’uso, ho ceduto il giallo scettro al Maritino che si è dilettato in un sabato di pulizie di vetri. Senza mollare in giro per la casa straccetti umidicci.kaercher-lavaggio

kaercher-aspiragocce

Una volta trovato chi si occupasse dei vetri delle finestre – che vivendo in città diventano ricettacolo non solo di segni lasciati dalla pioggia, ma soprattutto di molta polvere – io mi sono dedicata alla ricerca di metodi alternativi per usare l’aspiragocce. Il bagno è diventato il teatro delle mie performance: acqua, non ti temo :-)!

  1. I vetri della doccia, che all’inizio della loro esistenza erano sempre perfetti anche dopo 10 docce, oggi richiedono un po’ di attenzione per evitare le fastidiosissime goccioline di calcare. Finita la doccia, ho sostituito la spazzola pulisci-vetri che tenevo a portata di mano con l’aspiragocce Kaercher. Risultato: vetri senza righe, senza più acqua che lascia calcare;
  2. L’enorme specchio del bagno, sempre schizzato da chiunque si lavi le mani, la faccia o i denti, è il mio incubo del mattino. Dopo averlo lavato, gli aloni erano impossibili da eliminare. Con l’aspiragocce, invece, la pulizia diventa semplice.
  3. Non so se sia una caratteristica delle mie figlie o di tutti i bambini, comunque alla loro uscita dalla doccia si accompagna un’onda anomala che invade il pavimento del bagno. Puntualmente il gioco preferito dalle due birbanti è saltare nelle pozzanghere – come fossero al parchetto in accappatoio -, in modo da spargere l’acqua per tutta la casa. Ma ora le frego: basta seguirle con l’aspiragocce WV 51 Plus e il mio bagno è salvo. Una dimostrazione? Eccola!

 

Ce l’ho da una settimana e l’ho già usato in tutte le posizioni (funziona in orizzontale, in verticale e anche a testa in giù). Non l’ho ancora mai dovuto ricaricare. Ah, e naturalmente le bimbe, incuriosite, l’hanno già testato sulle ante lucide della cucina, con ottimi risultati. Sfruttamento minorile? No, tranquilli, per loro è un divertimento – e io ne approfitto.

kaercher-specchio

Post sponsorizzato

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>