La Festa di Ognissanti secondo la mia famiglia

Abbiamo preso una tradizione anglosassone e l’abbiamo importata. E Halloween ha offuscato la Festa di Ognissanti. Anche in questo blog è avvenuta la stessa mutazione.
Ma oggi voglio dedicarmi a rispolverare quelle giornate uggiose del 1 Novembre, in cui si metteva il cappotto per la prima volta e si andava a rendere omaggio a chi non c’era più.

La visita al cimitero, alla tomba di famiglia, la preghiera collettiva, l’incontro con le persone del paese che si vedevano giusto una volta l’anno e che ti ripetevano “ma quanto sei cresciuta” “ormai sei una signorina” “io ti ho vista lunga così”.

Il pranzo al ristorante, tutti insieme, come se gli attriti e le litigate non fossero mai esistiti.

Io ero sempre l’unica bambina e ricordo quelle giornate come le più noiose dell’anno!

Al ritorno la sosta alla fattoria a comprare le mele, che ogni volta mettevamo nelle stesse cassette, conservate da un anno all’altro.

E la sera, l’ultima riunione di famiglia con il rito che mi era più ostico da comprendere: il rosario. Era il nostro modo di ricordare i morti, anche se per me, bambina, i morti erano una realtà astratta, un po’ terrificante, ma che non aveva alcun aggancio con la mia realtà di bimba con tutti i parenti in vita.

La giornata si concludeva con una castagnata, un bicchiere di vino per i grandi e qualche dolcetto.

Nulla a che vedere con i mostri che la notte del 31 si aggirano per la città, con le tradizioni lontane di un popolo che esorcizza la paura della morte.

La Festa di Ognissanti era così: nebbiosa, intrisa di ricordo e di omaggio verso chi non era più con noi.

Ne parlo al passato, chissà perché, anche se questa tradizione familiare continua negli anni e, sebbene modificata e ritoccata, sarà il leitmotiv anche di questo 1° Novembre.

Ma negli ultimi anni ne percepisco il significato e anche io ho bisogno di fermarmi a ricordare le persone che ho amato e che non sono più con noi. Perché non tutte le giornate possono avere il sole, perché anche la nebbia e la malinconia fanno parte di noi. 

0
(Visited 6 times, 1 visits today)

1 Comment

  1. loredana 2 Nov 2012 at 08:52

    Il vero problema di queste tradizioni è che noi ristringiamo il ricordo a questo giorno. Molti usano questo giorno per pulirsi la coscienza. I defunti vanno sempre ricordati e amati

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *