L’orso Kuma e la campagna contro il CyberBullismo

Il colosso mondiale degli antivirus, Kaspersky Lab, ha deciso di intraprendere una battaglia, lunghissima, a tutela dei nostri bambini, contro il cyberbullismo.

Per rendere questa battaglia più divertente e comprensibile, Kaspersky Lab ha realizzato un simpatico orsetto verde (Kuma) ed un calendario dell’avvento composto da 25 scatolette, con all’interno delle appetitose cioccolate bianche e dei bigliettini con un consiglio giornaliero.

I bambini, attraverso questo squisito percorso di 25 riflessioni, 1 al giorno, che noi genitori possiamo sviluppare assieme a loro, come “proteggi la tua vita privata, anche online” oppure “educa tuoi figli affinché non offendano nessuno”, avranno la possibilità di avvicinarsi al mondo digitale e quello “reale” utilizzando come punto di vista quello del rispetto per se stessi e per il prossimo.

In collaborazione con la scrittrice Olandese Marlies Sleger hanno realizzato un simpatico libretto “Kasper, Sky e l’orso verde”. Un racconto ambientato nella vita reale, nel quale si racconta tristemente l’avventura di un bambino che viene bullizzato dai propri compagni.

Seguite gli Hastag #alsicuroconKuma e #kasperskysafekids per seguire sulla rete questa educativa iniziativa.

Non è mai abbastanza quando si parla ai nostri bambini di educazione e di cyberbullismo.

Il tema del Cyberbullismo è molto caro a noi di Centopercentomamma. In passato abbiamo spesso parlato di questo problema. Abbiamo più volte sottolineato come il bullismo in rete sia un riflesso del bullismo nella vita reale. Tuttavia, entrambi, sono il  frutto dell’esempio ridondante che noi adulti diamo quotidianamente ai nostri bambini.

Educare i nostri bambini attraverso la nostra stessa educazione e attraverso i nostri gesti, le nostre parole.

Le frasi di Kuma sono un chiaro esempio di come vita reale e vita virtuale siano due mezze mele di una mela unica: noi.

Possiamo pensare di far avvicinare i nostri bambini al mondo del Web il più tardi possibile. Non sarà mai poi così tardi. I nostri figli sono figli della loro epoca, del loro tempo. Privarli di quegli strumenti presenti e necessari per la loro crescita ed il loro inserimento nella vita quotidiana è anacronistico oltre che piuttosto ridicolo. Roba da Santa Inquisizione.

L’obbiettivo non deve essere quello di condannare le persone che usano gli strumenti. Deve essere quello di prevenire e di non arrivare a condannare nessuno. Abbiamo il dovere di migliorare la “qualità” delle persone per migliorare quella del nostro mondo.

Buon Natale e Buona Sicurezza con Kuma e Kaspersky Lab.

Massimiliano

Sono Massimiliano Di Nicolantonio ma mi conoscete come Max Dejavù. Sono un poco scrittore e un poco blogger. Un po' tecnico e un molto padre. Sono un po' potamo e un po' troppo tutto il resto. Scrivo, disegno, presento e racconto.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>