Hai trovato il principe azzurro?

La principessa bacia il ranocchio, che si trasforma in un meraviglioso principe. E vissero tutti felici e contenti.

Capitasse una volta, nella vita, una situazione così. Invece no, a noi devono aver dato la versione fallata della fiaba, perché non conosco nessuna che abbia baciato un ranocchio che si è rivelato un principe.

Sarà che noi degli anni Ottanta un rospo non lo baceremmo manco per sbaglio – poi vai a riconoscerlo e acchiapparlo, il rospo – ma tutte – e dico TUTTE – troviamo il principe già fatto e finito.

Dev’essere l’evoluzione industriale, la versione PRO della fiaba, pensi.

Uno spettacolo.

Da lasciarti senza parole. Bello, elegante, ma soprattutto premuroso e galante.

Una meraviglia.

Si presenta con i fiori per festeggiare con te l’anniversario del tuo profilo Instagram che gli hai detto per sbaglio due giorni prima che sarebbe stato “dopodomani”.

Ti scrive messaggi hot alle nove di mattina, che tu manco ti sei ancora alzata dal letto, figuriamoci pensare al sesso.

Un sogno.

Ti guarda con gli occhi dell’amore, che ti viene da chiedergli di accompagnarti ovunque e guardarti prima che tu varchi la soglia dell’ufficio del tuo capo per chiedergli l’aumento.

Ti tiene le mani sempre, quando siete insieme.

Ma dov’eri finora? Ti viene da chiedergli – e glielo chiedi anche, che cucciola sei, che un esemplare così perfetto non l’avevi ancora incontrato.

Uno splendore.

Una notte, nel dormiveglia dopo aver fatto l’amore con un’intensità che non credevi possibile, apri gli occhi e lo guardi.

Sì, ti sei innamorata. E glielo dici, quel “ti amo” che ormai non credevi avresti detto ad altri se non al tuo gatto. Emozionata, felice, finalmente appagata e ri-amata. Ti ama anche lui, il tuo principe.

Una magia.

È dal giorno dopo che inizia la mutazione, repentina e inaspettata. Ogni tanto dice una frase che ti suona come “cra cra”, che non capisci cosa voglia dire. Ma sì, è stanco oggi.

Sei sempre sulla tua nuvola, pensi a lui di continuo. Il Cra cra si fa sempre più insistente, ormai ad ogni conversazione fingi di capire cosa ti stia dicendo, rispondi per tentativi. “Cra Cra” “Sì, buono questo gin tonic!”

Se pensi agli ultimi giorni, di splendido vedi ben poco. Sarà un periodo, è stressato.

Quando uscite, lui è sfuggente, distratto. Deve avere qualche problema di vista, non gli brillano più gli occhi.

E quel brufolo sul naso, non l’avevo notato?

E all’improvviso ti ritrovi con un rospo in mano. Cosa ne devi fare, ora? Meno male che c’è lui, il tuo amato gatto, che con un insospettabile scatto felino nonostante i 12 Kg se lo mangia in un boccone. Ci sarà un motivo per cui è l’unico a cui dirai “ti amo” da qui all’eternità, no?

1
(Visited 85 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *