Galateo dello sport per genitori

galateo-dello-sport

Vedere dei genitori che seguono gli allenamenti sportivi dei figli è una di quelle attività che ti fa odiare la categoria genitori quasi quanto la prima volta che metti piedi ai giardinetti.

I figli vanno accompagnati a fare sport e a quel punto si è costretti a fermarsi sugli spalti, a bordo campo, sulla tribuna, nella hall, insomma in uno spazio destinato ad accogliere mamme e papà. Di solito si tratta di spazi angusti, a volte con pochi posti a sedere, in cui è fondamentale mantenere un certo contegno almeno per quell’ora-ora e mezza che siamo costretti a condividere con altri adulti. Il galateo dello sport, valido in questo caso non per gli atleti ma per gli accompagnatori, ci aiuta a rendere questo momento una parentesi piacevole.

Il mio decalogo+1 (l’ultima regola è una regola di vita più che una regola di bon ton) del galateo dello sport è frutto di esperienza personale e buonsenso, e comprende:

  1. lasciate sedere prima le persone più anziane, poi se avanza posto sedetevi anche voi;
  2. state nella zona che vi è stata indicata, evitando di piazzarvi in pole position rischiando così di essere d’intralcio allo svolgimento delle attività;
  3. sono i bambini i protagonisti dell’attività, voi li avete solo accompagnati, ergo fate gli accompagnatori, trovate qualcosa da fare per passare il tempo ed evitate di intromettervi nella lezione;
  4. per lo stesso motivo di cui sopra, lasciate che siano gli insegnanti ad avere la conduzione dell’ora: se vostro figlio cade, ha una scarpa slacciata o ha sete sarà il maestro a coinvolgervi in caso di bisogno;
  5. al resto del mondo non interessano gli affari vostri: evitate di telefonare raccontando la nottata insonne per il fratellino dell’atleta di casa che vomitava in pieno stile esorcista;
  6. tenete un tono di voce consono al luogo e alla presenza di altre persone;
  7. scambiate due parole con gli altri genitori, mantenendo la conversazione su argomenti generici e piacevoli – no categorico a politica, religione, sesso, gossip e lamentele sul centro sportivo;
  8. non siete lì per tifare: vietati le urla di esortazione, gli insulti agli avversari, le parolacce;
  9. salutate l’usciere, gli allenatori e le persone che lavorano all’interno del centro sportivo; a fine lezione ringraziate e fate in modo che i bambini facciano altrettanto; al momento dell’arrivo e dell’uscita, salutate i genitori presenti;
  10. Rispettate il divieto di fare foto e video e ricordate, nel caso in cui vogliate pubblicare sui social un contenuto che riguarda vostro figlio, di rendere irriconoscibili i volti di tutti gli altri bambini;
  11. La cosa più importante, che non si esaurisce in quell’ora di sport ma che dovrebbe permeare la vita di ogni bambino: lo sport è, prima che un’attività fisica, un veicolo di valori e competenze fondamentali per la crescita di un bambino; voi genitori avete il compito di mantenere lo sport dei vostri figli nell’ambito della sana competizione e dello spirito di condivisione.

Basta poco per essere impeccabili e anche in questa occasione le buone maniere serviranno a rendere la vita di tutti – dei vostri figli in particolare – migliore.

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>