Corso d’inglese MY ENGLISH SCHOOL: perché lo consiglio

Da gennaio frequento la scuola d’inglese MY English School di Torino. Sono stata spinta a ricominciare a studiare inglese dalla voglia di rimettermi in gioco, oltre alla necessità di avere un inglese fluent per poter instaurare rapporti durante i viaggi e per essere in grado di gestire la comunicazione sui social anche per clienti che hanno un target internazionale.
Ho già constatato che il corso d’inglese mi sta migliorando sotto tanti aspetti anche non direttamente connessi con l’apprendimento della lingua in sé.

Prima di iniziare il corso d’inglese

Ho fatto un colloquio introduttivo, durante il quale ho parlato con Catia, che sarebbe diventata la mia tutor, dei miei obiettivi e del metodo MYES.
Ho poi fatto un test online, sempre alla sede della scuola, con cui mi è stato attribuito il livello di partenza. Partivo da un livello medio e, insieme alla tutor, abbiamo definito il percorso migliore per me e l’obiettivo finale. Non entro nel dettaglio dei parametri di apprendimento della lingua inglese, che sono strutturati in livelli che i tutor di My English School spiegano nel dettaglio.

Il kick-off

Primo appuntamento alla scuola è il kick-off, durante il quale mi è stato spiegato il metodo My English School e tutte le informazioni pratiche per vivere al meglio il viaggio nell’inglese.

Il metodo My English School

Sono tanti gli elementi che rendono questa scuola la soluzione più giusta secondo me:

  • gli insegnanti, tutti madrelingua, arrivano da ogni parte del mondo anglosassone: inglesi, canadesi, statunitensi, australiani, scozzesi, gallesi… – quest’alternanza aiuta a imparare tutti gli accenti, senza sentirsi mai a disagio in qualsiasi luogo;
  • le lezioni di grammatica sono alternate a focus, ore di conversazione su temi specifici, che servono a praticare gli apprendimenti grammaticali, ma anche ad arricchire il lessico;
  • prima di ogni lezione di grammatica, è necessario fare online un warmup (riscaldamento) con esercizi per introdurre l’argomento della lezione; due giorni dopo la lezione, svolgo un test online per comprendere se ho assimilato la parte grammaticale;
  • online ho accesso a una piattaforma dalla quale posso scaricare i pdf delle lezioni, in cui posso ascoltare radio in lingua, ho accesso ad articoli in inglese e posso controllare il mio avanzamento e i miei progressi;
  • al termine delle lezioni previste per il livello che sto frequentando, dovrò sostenere un esame in tre step: revision di tutti gli argomenti del livello, test online ed esame in sede; dopo aver passato l’esame passerò al livello successivo;
  • l’orario non è fisso, anzi si viene invogliati a cambiare giorno e ora di frequenza per incontrare allievi e insegnanti diversi; le prenotazioni avvengono telefonicamente due settimane prima; se si vuole annullare una lezione basta telefonare, se non si trova posto ci si può mettere in lista d’attesa;
  • non ci sono aule chiuse, ma tutte le lezioni si svolgono in spazi ricavati da un unico enorme e luminoso open-space: questo serve per praticare la lingua in una situazione naturale, con altre persone che parlano, rumori di sottofondo e distrazioni di vario genere, come avviene nella vita…
  • la vita della scuola va ben oltre le lezioni: vengono organizzate serate a tema, aperitivi e appuntamenti divertenti per fare gruppo e scambiare quattro chiacchiere rigorosamente in inglese.

Le mie conclusioni

Mi sto divertendo, mi sto appassionando e sto imparando velocemente. Che soddisfazione quando mi capita di leggere a voce alta un qualsiasi testo in inglese e mi sento dire “che pronuncia perfetta!”. Da me alla perfezione passa parecchio, ma rispetto a 6 mesi fa sembro un’altra persona. Questo mi aspettavo, questo ho trovato. Consigliatissimo!

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>