Il corpo di tua figlia

mamma di adolescenteL’hai appena partorita, era ieri, era SOLO 9 anni fa. Oggi ti ritrovi con una quasi ragazzina, non più del tutto bambina, futura pre-adolescente, insomma per casa hai una figlia che sta entrando in quella terra di mezzo tra l’infanzia e l’adolescenza. Di punto in bianco ogni giorno è diverso dal precedente, lei non è più quella di ieri e sai che domani sarà di nuovo un’altra persona.

Anche il suo corpo inizia a cambiare. Da qualche mese noti che sta facendo la sua comparsa il punto vita, con lei che si passa una mano sul fianco e ti chiede perché ci sia quel rigonfiamento. Il petto non è più piatto come fino all’estate scorsa, ma la ghiandola mammaria sta iniziando a occupare il suo posto.

Sai che l’infanzia della tua bambina ha gli anni contati e cominci a guardare le ragazzine con occhi nuovi: prima ti sembravano oche non degne del tuo sguardo, ora ne osservi i movimenti, ne ascolti i discorsi convincendoti che non sarà così male essere mamma di un’adolescente.

Anche le domande che ti fai sono nuove e inesplorate. Come reagirò al primo fidanzato, quali saranno i limiti che le porrò, la lascerò dormire con lui? Eccolo lì il nodo che prima o poi arriva al pettine di ogni genitore: il rapporto con il corpo del figlio. Non vogliatemene, ma credo che questa sia principalmente una questione da “genitore di femmina”. Già, perché in passato ci si è preoccupati del corpo delle donne e qualcosa di questo antico retaggio è rimasto nella mente di noi genitori “moderni”.

Se è vero che gli insegnamenti iniziano quando i bambini sono molto piccoli, è altrettanto vero che certi argomenti vengono trattati più avanti. Cosa dirai, dunque, a tua figlia riguardo al suo corpo e a come gestirlo negli anni dell’adolescenza e oltre? Per rispondere a questa domanda ritorni a quando avevi 15 e poi 20 anni. Cosa vorresti cambiare di allora? Come vivresti oggi i tuoi 15 anni, con la testa di una trentacinquenne? Da qui è nata questa riflessione, per le mie figlie:

 

 

Adorata bambina mia, usa il tuo corpo, fanne ciò che desideri e che ti fa stare bene.

Non ascoltare ciò che dicono le altre persone, ignorale se tu sei soddisfatta di te stessa.

Guarda le tue imperfezioni e sorridine, con quel sorriso conquisterai il mondo.

Se ti piace un ragazzo e hai voglia di baciarlo, fallo. Non c’è scritto da nessuna parte che sia lui a doverci provare con te.

Quando qualcuno ti tocca e tu non vuoi o ti dice qualcosa che non ti piace, vattene. Non permettere a nessuno di farti ciò che non vuoi. Il corpo è tuo, tu sei l’unica padrona di te stessa.

Allo stesso modo, se una cosa piace a te e alla persona con cui lo stai facendo, è tutto ok. Non esistono i tabù, nulla è oltre il limite se non mette in pericolo te stessa o l’altra persona.

Tu sei più importante di chiunque altro. La tua felicità viene prima di tutto. Non vergognarti mai di te stessa, né del tuo corpo, né delle tue scelte.

 

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>