Come ho perso 11 Kg

Niente da fare, ormai so che sono fatta così. Il mantenimento dell’equilibrio non è cosa per me, a livello emotivo e fisico.

Oscillo, pericolosamente, tra estremi che mi tengono in equilibrio. Il mio armadio è la prova di ciò che sto dicendo: dalla taglia 38 alla 52, ho abiti di ogni misura. Sono stata una bambina sottopeso, poi sovrappeso, un’adolescente a dieta, che è arrivata a mettersi le dita in gola per i sensi di colpa dati da un barattolo di Nutella, una giovane donna in forma, una neomamma obesa, una donna che si è riscoperta bellissima, poi di nuovo grassa e ora, ancora in cammino verso il peso forma.

Ai primi di luglio pesavo 11 Kg più di adesso.

Dopo essere dimagrita ed essermi rimessa in forma 3 anni fa, ho lasciato che la noia e le cattivi abitudini avessero di nuovo la meglio sul mio corpo e ho ripreso, con gli interessi, tutti i chili che avevo perso con fatica. L’estate però ha portato la consapevolezza che sentirmi bella era per me importante e che quindi impegnarmi per raggiungere quell’obiettivo era cosa fattibile

Come ho iniziato

Il fattore psicologico

Mi ci vuole un traino, ormai ne sono certa. Sia tre anni fa che questa volta lo stimolo a rimettermi in forma è venuto da una persona esterna ma vicina – non la stessa nei due casi – che aveva fatto una trasformazione importante e veloce. Vedendo che qualcun altro ce l’aveva fatta e leggendo nei suoi occhi la soddisfazione mi sono buttata a capofitto.

 

Dieta e attività fisica non sono cose da iniziare in un momento qualsiasi. Ci vuole concentrazione, bisogna essere focalizzati e positivi, avere spazio nella propria vita e nella propria mente ed essere motivati. Tutta questa propensione a uscire dalla zona di comfort si è realizzata tra la fine di giugno e i primi di luglio: bambine a casa da scuola, lavoro rallentato e settimane all’aria aperta. Davanti a me c’era un lungo periodo di pausa dalla vita quotidiana.

L’attività fisica per rimettersi in forma

La molla è stata l’attività fisica. Mi sono iscritta in piscina – a Torino 20 ingressi in una piscina comunale costano circa 80 euro – e ho cominciato a frequentare tre volte la settimana. Ho scelto il nuoto per due motivi:

  1. faceva caldo e buttarmi in acqua era rigenerante
  2. non volevo affaticare troppo il mio corpo con corsa o attività troppo impattanti sul cuore e sulle articolazioni.

Il nuoto, che ho continuato anche in Sardegna in mare ogni giorno, è stato il vero motivo del mio dimagrimento e del rassodamento globale (e meno male… 🙂 ).

Ho iniziato a correre e camminare, in Sardegna, a giorni alterni: stesso percorso, usando la app Runtastic, e cronometrando il tempo di percorrenza. Se all’inizio facevo quasi tutti i quasi 5 km – metà dei quali in salita e la parte restando in discesa – camminando, dopo circa 15 giorni ho cominciato ad alternare corsa a camminata veloce. I progressi sono continuati fino al rientro a Torino.

Il regime alimentare che ho seguito

La mia giornata-tipo era:

COLAZIONE (che facevo intorno alle 9.30)

Un limone spremuto appena alzata

Una tazza di latte parzialmente scremato con 3 fette biscottate

PRANZO

Insalata di pomodori e tonno

MERENDA

Un frutto

CENA

Pesce cucinato in modo leggero e verdure.

 

Ho continuato con questo regime per tutta l’estate, complice il fatto che trascorressi l’intera giornata in spiaggia. Considera che bevevo almeno 2,5 litri di acqua al giorno.

Come ho continuato a rimettermi in forma al rientro dalle vacanze

In nessun momento del mio percorso di remise en forme ho mai pensato di non farcela. Mi sono data obiettivi e tempi non stringenti.

Ho imparato a perdonarmi.

Ho smesso di pensare di aver buttato tutto al vento per aver sforato il regime alimentare una volta, ma mi sono data l’opportunità, ad ogni sgarro, di recuperare nei giorni seguenti. Mi sono goduta come non facevo più da tempo un bicchiere di vino o un piatto di pasta extra regime.

Al rientro nella mia vita quotidiana, mi sono dovuta riadattare a ritmi più elevati e ho salvato il mio dimagrimento con una parola-chiave:

Organizzazione

Il menu settimanale e la spesa

Ogni weekend preparo il menu di tutta la settimana per la famiglia – come sai anche ai pranzi delle bambine a scuola ci penso io. Da questo menu scrivo la lista della spesa settimanale, che poi ordino su Esselunga con consegna a domicilio o vado a fare al supermercato. In questo modo non mi capita di avere in casa alimenti che non devo mangiare né di trovarmi alle 19.30 senza sapere cosa cucinare optando per la solita pasta-salva-cena.

Lo sport

Per alcune settimane ho continuato con la piscina ma ora, un po’ per il freddo che avanza e un po’ per la noia che incombe, mi sono arenata. Sono in un periodo di stallo: in piscina non mi va più di andare e la voglia di correre mi ha abbandonata perché a Torino o corri al Valentino di giorno o alla sera l’unica alternativa comoda a casa mia è Piazza D’Armi, circuito che odio con tutta me stessa.

Dunque? Come si fa a rimanere in forma senza fare sport? Non si può, o meglio io non posso. Lo sport per me è un modo per scaricare la negatività ed evitare di farlo con il cibo.

Così mi sto informando per riprendere con una mia vecchia passione, di cui non voglio dire ancora nulla. Ma il consiglio che ti do, soprattutto se hai fatto sport a livello agonistico, è quello di darti un obiettivo sportivo, non iscriverti in palestra tanto per fare.

 

Come sta andando la mia remise en forme

Procedo tra alti e bassi, tra momenti di slancio e altri di stanca. Quando mi accorgo di non riuscire a rispettare i menu, cerco comunque di trattenermi dal mangiare junk food. Mi aiuto con tantissima acqua e altrettante tisane. Tengo sotto controllo la bilancia, almeno una volta la settimana.

Mi amo, mi curo e mi trucco, mi faccio bella anche solo per me stessa. E sono tanto, tanto, tanto soddisfatta della mia forza.

Se hai domande da farmi, sono ovviamente qui. Scrivimi nei commenti, una mail, sui social. <3

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>