Anteprima di Cenerentola: una serata da favola

cenerentola-blue-carpet-2

Ciao, ho visto il film “Cenerentola” di Disney 20 giorni prima che esca nei cinema. Vorrei potervi raccontare quanto è coinvolgente, quanto è commovente, quanto è fiabesco, quanto è Disney. Ma non posso, perché vi toglierei la sorpresa. Tanto so che il 12 marzo sarete tutte al cinema a vederlo, quindi vi parlerò di cosa è stata la serata dell’anteprima per le mie bambine e per me.

 

Che faccio il lavoro dei miei sogni, che mi permette di vivere facendo la cosa che più amo al mondo, scrivere, già lo sapete. Ma ci sono volte in cui questo lavoro sembra proprio cucito su di me. Ecco, quelle situazioni mi fanno gioire immensamente per la fortuna di fare ciò che mi sono scelta e modellata.

Cenerentola è stata la prima principessa di cui, da bambina, mi sono innamorata. Il cartone animato lo conosco a memoria, non l’ho mai dimenticato e ogni tanto ancora oggi mi sorprendo a cantare “I sogni son desideri di felicità”. Ho usato quella canzone come ninna nanna per Sofia e Cecilia, ho smobilitato mari e monti perché fino a due anni fa il dvd era introvabile e non era pensabile che le mie bambine crescessero senza vivere quella magia.

cenerentola-anteprima

Se dovessi dare un aggettivo alla serata dell’anteprima di Cenerentola, direi “scintillante”. Il ricordo che ne ho è abbagliante, un momento di pura magia. Cenerentola sullo schermo si trasforma in principessa e io, con abbracciate le mie figlie, nel buio della sala, mi sento lei.

Ma andiamo con ordine. Alla telefonata di invito segue mezz’ora di panico. L’eccitazione è fortissima, ma cosa mi metto? E come vesto le bambine? Alla fine mi dico che non posso certo mancare perché non so cosa mettermi – i 15 anni per fortuna sono passati – e parte la fase dell’organizzazione. Prima di tutto, però, lo comunico a Sofia e Cecilia, che reagiscono urlando di gioia. Faccio un inciso: pensando a posteriori a quest’esperienza, mi viene in mente che ha coinvolto tutte le donne importanti della mia vita, regalandomi ricordi con ognuna di esse. Già, infatti mia mamma è stata la mia fata madrina, che mi ha aperto le porte del suo armadio e mi ha lasciato scegliere ciò che volevo. Segue sfilata di un’ora in cui la mia personale fata mi offre i suoi consigli sul look – e chi la conosce sa che sono consigli preziosi. Le due piccole di casa, nel frattempo, saltellavano per la stanza dicendo “ooohhh, mi piace”, “no, mamma, questo no”. Insomma, un quadretto da far impallidire qualsiasi uomo fosse capitato lì.

E poi c’è la preziosità dei ricordi che mi resteranno impressi nella memoria di noi tre che ci prepariamo per la nostra serata, che partiamo in macchina da Torino per l’anteprima. Loro che dormono, io che mi cambio le scarpe nell’autorimessa, noi tre che scendiamo dal taxi e facciamo il nostro ingresso al cinema Odeon.

IMG_0947_2

E poi le foto sul blue carpet, l’ingresso in sala, la presentazione di Kenneth Branagh (il regista), Lily James (Cenerentola) e Richard Madden (il Principe Azzurro) – sì, è Robb Starck di Games of Thrones – introdotti dal Presidente di Disney Italia, che assomiglia a Walt Disney.

Foto di Disney Italia
Foto di Disney Italia

E poi le luci si spengono e io mi volto verso Sofia e Cecilia, i cui occhi estasiati non potrò mai dimenticare. Quando saranno grandi, serate come questa saranno ricordi preziosi.

La vera magia l’altra sera non è stata sullo schermo, ma in noi tre. Preparate i fazzoletti, prenotate i biglietti, andate a vedere Cenerentola con le vostre figlie e con le vostre mamme. E la magia avvolgerà anche voi.

Cristiana

Innamorata della vita, entusiasta per natura, ottimista fino al midollo e testarda come un mulo. Sono io. Blogger per scelta e per amore.

5 Comments
  1. Anch’io ho amato e amo tutt’ora Cenerentola, e non me lo perderò di sicuro al cinema insieme alle mie due bimbe più grandi!Io ho anche la videocassetta, roba vintage insomma 😉

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>